Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Nuovi Giusti nel Giardino Virtuale

la consegna delle pergamene a Palazzo Marino

14 marzo 2018, ore 15.00
Palazzo Marino, Sala Consiliare - Milano
Consegna delle pergamene ai Giusti onorati al Giardino Virtuale
Ingresso libero su prenotazione

Il Giardino Virtuale “Giusti del Monte Stella” si arricchisce con nuove figure, messaggeri del bene che ieri e oggi hanno compiuto un gesto in difesa dell’altro e della dignità umana.

La cerimonia di consegna delle pergamene, durante la quale saranno lette le motivazioni della scelta di ogni Giusto - in sua presenza o in presenza di un suo rappresentante - si svolgerà dopo i saluti istituzionali e gli interventi di Gabriele Nissim, presidente di Gariwo e Giorgio Mortara, vicepresidente UCEI.

Alla cerimonia, organizzata dall'Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano, sarà presente anche l'attrice Gianna Coletti, che leggerà alcuni brani dedicati ai Giusti.

Saranno quindi onorati Vito Fiorino, falegname di Sesto S. Giovanni e pescatore per passione che a Lampedusa ha salvato 47 naufraghi nella grande tragedia del 3 ottobre 2013; i Giusti di Lesbo che hanno soccorso i profughi nel 2015 Emilia Kamvisi, Stratos Valiamos, Melinda McRostie, Eric Kempson, Efi Latsoudi e Christoforos Schuff; Daniela Pompei e Maria Quinto, che con la Comunità di S. Egidio sono da anni impegnate in favore dei profughi; le Scolare di Rorschach (Svizzera), autrici nel 1942 di una lettera di vibrata protesta al governo svizzero contro i respingimenti dei profughi ebrei alle frontiere e per una politica di asilo; Mons. Andrea Ghetti (nome scout Baden), fondatore dell’organizzazione scout Oscar e “compagno di soccorsi” di Mons. Giovanni Barbareschi; il Gen. Guglielmo Barbò di Casalmorano, entrato nella resistenza piemontese a seguito dell’armistizio dell’8 settembre 1943 e deportato nel lager di Flossenburg, dove continuò a prendersi cura dei suoi soldati fino alla morte; Corrado Bonfantini, Comandante Generale Brigate Matteotti durante la Resistenza, che si spese sempre a favore dei più deboli in modo autonomo e libertario; Erwin Kräutler, austriaco, missionario in Brasile in difesa dei più deboli, gli indios dell’Amazzonia; Fritz Michael Gerlich, giornalista tedesco fiero oppositore di Hitler, ucciso nel campo di concentramento di Dachau; Maria Vittoria Zeme, crocerossina infermiera volontaria durante la guerra in Grecia e Croazia, dopo l’8 settembre fu internata in un lager, a Zeithain, insieme ai militari che si erano rifiutati di aderire alla Repubblica di Salò, continuando a prendersi cura di loro.

La cerimonia è parte di una serie di iniziative organizzate da Gariwo.

Di seguito l’elenco degli altri appuntamenti:

14 marzo, ore 10.30, Giardino dei Giusti di tutto il mondo - Monte Stella Milano
Dedica dei nuovi alberi ai Giusti Hammo Shero, Ho Feng Shan, Costantino Baratta e Daphne Vloumidi. 
Cerimonia pubblica

15 marzo, ore 16.30, Palazzo Marino - Milano
Celebrazione dedicata alla Giornata dei Giusti dell'Umanità nel Consiglio comunale di Milano.

15 marzo, ore 20.30, Palazzo Marino, Sala Alessi - Milano
Concerto della pianista Ani Martirosyan e della violinista Nobuko Murakoshi, con letture dell’attrice Sonia Bergamasco alla presenza della senatrice a vita Liliana Segre.
Ingresso su prenotazione

Segnaliamo inoltre l'appuntamento organizzato da Gariwo in collaborazione con la Regione Lombardia:

7 marzo, ore 17.30, Palazzo Lombardia - Milano
Celebrazione della Giornata dei Giusti dell’umanità. Con Gabriele Nissim, il Presidente della Regione, il console onorario d’Armenia Pietro Kuciukian e le letture degli studenti del corso di teatro del liceo G.B. Grassi di Saronno. Ingresso su prenotazione

Per info e prenotazioni: segreteria@gariwo.net
0236707648

12 febbraio 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Giornata europea dei Giusti

Il valore dell’individuo e della responsabilità personale

Il 10 maggio il Parlamento di Strasburgo ha approvato la Dichiarazione scritta che istituisce il 6 marzo come Giornata europea in memoria dei Giusti.
Il concetto di Giusto, nato dall’elaborazione del memoriale di Yad Vashem per ricordare i non ebrei che sono andati in soccorso degli ebrei, diventa così patrimonio di tutta l’umanità.

Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

Il termine “Giusto” non è più circoscritto alla Shoah ma diventa un punto di riferimento per ricordare quanti in tutti i genocidi e totalitarismi si sono prodigati per difendere la dignità umana.

Il significato di questa decisione richiama uno degli elementi fondanti della cultura europea: il valore dell’individuo e della responsabilità personale.

leggi tutto