Gariwo: la foresta dei Giusti

English version | Cerca nel sito:

Giornata Europea dei Giusti

I Giusti e il coraggio di opporsi al male

L'intervento di Lamberto Bertolé, Presidente del Consiglio comunale di Milano, in occasione delle celebrazioni della Giornata europea dei Giusti a Palazzo Marino, il 6 marzo 2017.


Le parole di Paolo Gentiloni

Con queste parole il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni esprime il proprio sostegno per le celebrazioni della Giornata europea dei Giusti, ricordando così coloro che con coraggio scelsero il bene.


Matteo Renzi e Angelino Alfano per i Giusti

Le parole del Ministro degli Esteri Angelino Alfano e del segretario PD Matteo Renzi in sostegno della Giornata europea dei Giusti, ricordando l'importanza del dialogo e del bene.


La Fondazione Diritti Umani per i Giusti

La dichiarazione di Paolo Bernasconi, della Fondazione Diritti Umani di Lugano, in sostegno della Giornata europea dei Giusti, ricordando l'importanza del dialogo e del bene.


Da Malta il sostegno al 6 marzo

Il messaggio della President's Foundation for the Wellbeing of Society, la Fondazione della Presidente della Repubblica di Malta Marie Louise Coleiro Preca, che ha espresso il suo appoggio al 6 marzo e al ricordo di quanti si sono opposti e si oppongono a persecuzioni e violazioni dei diritti umani.


San Marino per i Giusti

Il messaggio del Segretario di Stato per gli Affari Esteri della Repubblica di San Marino Nicola Renzi in occasione della Giornata europea dei Giusti, dedicata “A tutti gli uomini che hanno agito ed agiscono con coraggio, altruismo e responsabilità”.


Giornata europea dei Giusti

Il valore dell’individuo e della responsabilità personale

Il 10 maggio il Parlamento di Strasburgo ha approvato la Dichiarazione scritta che istituisce il 6 marzo come Giornata europea in memoria dei Giusti.
Il concetto di Giusto, nato dall’elaborazione del memoriale di Yad Vashem per ricordare i non ebrei che sono andati in soccorso degli ebrei, diventa così patrimonio di tutta l’umanità.
Il termine “Giusto” non è più circoscritto alla Shoah ma diventa un punto di riferimento per ricordare quanti in tutti i genocidi e totalitarismi si sono prodigati per difendere la dignità umana.

Il significato di questa decisione richiama uno degli elementi fondanti della cultura europea: il valore dell’individuo e della responsabilità personale.

leggi tutto