Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/gulag/storie-segnalate-da-gariwo/jurij-timofeevi-galanskov-1289.html
Gariwo

Jurij Timofeevic Galanskov (1939 - 1972)

testimone e vittima del Gulag

Giornalista, scrittore e attivista politico. Era figlio di una famiglia operaia. Lavorò come elettricista, facendo teatro e studiando contemporaneamente Storia, ma venne espulso dall'università per “indipendenza di giudizio”. Nel 1961 pubblicò la rivista clandestina “Feniks ‘61”, che conteneva, tra l'altro, i poemi Il manifesto umano e Proletari di tutto il mondo unitevi!

Dopo un periodo trascorso in una clinica psichiatrica, progettò e pubblicò a proprie spese, la nuova rivista “Feniks '62”, dove ospitò scritti religiosi e politici che nessuno pubblicava perché passibili di censura. Venne arrestato nel 1967 e detenuto, assieme ad altri dissidenti, nel carcere di Lefortovo a Mosca Nel 1968 venne condannato, assieme ad Alexander “Alik” Ilyich Ginzburg, a sette anni di Gulag a regime duro. Scontando la pena in Mordovia, si ammalò e dovette essere ricoverato in ospedale. Continuò tuttavia a scrivere e a partecipare a scioperi della fame, raccolta di firme, proteste e appelli. Nel 1970, pur rischiando la perforazione dell'intestino, venne reimmesso al lavoro. Non gli fu consentito di incontrare madre e moglie, né di ricevere medicine in quanto: “il detenuto non è malato: è solo un teppista che scansa il lavoro”. Nel 1972 venne operato di ulcera perforata da un medico prigioniero e senza esperienza chirurgica. Morì il 14 novembre.

Giardini che onorano Jurij Timofeevic Galanskov

Trovi un albero nel Giardino Virtuale Storie Gariwo.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

Contenuti correlati

L’enciclopedia dei Giusti - Gulag

per chi voleva opporsi non si trattava di rischiare la vita per salvare un altro essere umano, ma di salvare la propria identità anche a costo della vita

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.