Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

7 anni di carcere per due giornalisti in Myanmar

stavano indagando sui massacri dei Rohingya

Kyaw Soe Oo

Kyaw Soe Oo

Lo scorso dicembre due giovani giornalisti della Reuters - Wa Lone e Kyaw Soe Oo - sono stati imprigionati a Yangon, in Myanmar, per aver investigato sui massacri ai danni della minoranza musulmana Rohingya nel Paese. In particolare sono stati considerati illegalmente possessori di alcuni documenti ufficiali riguardanti l’uccisione di 10 uomini da parte di un gruppo di soldati e di abitanti di un villaggio a nord del Rakhine. In questi giorni la notizia della condanna: 7 anni di carcere per aver violato la legge sui Secrets Act, reato punibile con una detenzione fino a 14 anni. I due si dichiarano innocenti e puntano il dito contro la polizia, che li avrebbe incastrati invitandoli a una cena durante la quale sarebbero stati consegnati loro proprio quei documenti di Stato per cui poi sono stati detenuti. Kyaw Soe Oo dichiara inoltre che, durante le investigazioni, sarebbe stato costretto per ore in ginocchio senza poter dormire e con un cappuccio nero in testa. Decine di giornalisti e attivisti hanno manifestato per le strade di Yangon contro quella che rappresenta un’evidente minaccia alla libertà di stampa. “Non ho paura, ha detto Wa Lone, non ho fatto niente di sbagliato e credo nella giustizia e nella democrazia”.

Tutto ciò non è passato inosservato nemmeno fuori dai confini del Paese. La condanna è arrivata anche dalla Gran Bretagna e dagli Stati Uniti, che ad agosto avevano già presentato una serie di sanzioni a danno di ufficiali dell’esercito birmano, anche se non ai danni di figure leader dello Stato. Il direttore della divisione asiatica di Human Rights WatchBrad Adams, ha commentato la vicenda dicendo che “si tratta di una ulteriore macchia nera, in tema di diritti, per il governo di Aung San Suu Kyi”. Questa vicenda è solo l'ultimo sviluppo di una trama ben più ampia, di cui si sta parlando molto: il 20 agosto, dopo un anno di indagini, un gruppo di esperti dell’ONU ha rilasciato un report dove si afferma che “i vertici dell’esercito del Myanmar dovrebbero affrontare un processo in una Corte Internazionale per il genocidio ai danni dei musulmani Rohingya e per crimini contro l’umanità verso altre minoranze etniche”. “La brutalità, il livello di organizzazione e la propaganda di odio dietro ai massacri avvenuti sono prove dell’intento genocida”, si legge nel documento redatto dall’ONU. Le accuse non risparmiano le autorità civili e soprattutto la leader birmana Aung San Suu Kyi, colpevole di non aver usato la sua posizione per fermare i massacri. Le dichiarazioni del governo del Myanmar, che sostiene si sia trattato solo di un meccanismo di difesa contro gli attacchi militari dei Rohingya, risultano evidentemente infondate.

Lo scorso anno l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Ra’ad al Hussein, aveva già accusato l’esercito birmano di atti di pulizia etnica e possibile genocidio, ma risultati evidenziati dal panel - che comprendono anche più di 800 atroci testimonianze raccolte dagli esperti ONU - rendono ancora più indubbia la necessità di un intervento immediato a livello internazionale. Qualche giorno fa, al Hussein ha formulato accuse forti anche contro Aung San Suu Kyi: avrebbe potuto "restare in silenzio o, meglio ancora, avrebbe potuto rassegnare le dimissioni" e non appoggiare la giunta militare.

4 settembre 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Libertà di espressione

contro il pensiero unico

La libertà di espressione è tra i diritti umani fondamentali la prima a essere colpita dai regimi autoritari, con gradazioni sempre maggiori man mano che ci si avvicina al prototipo della società totalitaria. La censura impone il bavaglio alla stampa e viene impedito ai giornalisti di fare il proprio mestiere, riducendoli a semplice cassa di risonanza del governo. Anche le altre libere manifestazioni del pensiero sono sotto attacco, nessuno viene risparmiato: gli intellettuali, gli scrittori, i registi... persino le arti figurative vengono strettamente controllate. La repressione colpisce duramente tutte le forme di autonomia dell'individuo, in primo luogo le opinioni, le idee personali, che rappresentano la maggior minaccia per chi vuole imporre "il pensiero unico".
Nell'Italia fascista, nella Germania nazista e nella Russia sovietica, nella Cina maoista e nei regimi dittatoriali dell'America Latina, così come nelle moderne teocrazie e nuove autocrazie, i libri scomodi venivano messi all'indice, fino ai roghi nelle piazze,  e gli storici, scienziati, accademici, artisti non allineati costretti all'esilio o rinchiusi in carcere.
Il totalitarismo entrava nelle case e imponeva il proprio controllo all'interno della famiglia, dove dominava la paura di essere traditi persino dalle persone più care. Si innescava così un meccanismo di autocensura: per sopravvivere si preferiva rinunciare non solo a esprimere le proprie idee, ma anche a ... pensarle. Non restava che omologarsi alla dottrina espressa dal leader al potere.
Chi cerca di resistere, di mantenere la propria individualità e libertà interiore, perde tutto, ma la sua autonomia, sommata alla resistenza di tanti altri nelle stesse condizioni, mina alle fondamenta un regime dittatoriale, fino al suo crollo finale.

Multimedia

Anna Politkovskaja. Una donna sola

documentario di "La storia siamo noi"

La storia

Aleksandr Ginzburg

giornalista difensore dei diritti umani