English version | Cerca nel sito:

Esce il nuovo libro di Salman Rushdie

ma l'Iran emette una nuova fatwa

Uscita mondiale il 18 settembre di Joseph Anton, autobiografia di Salman Rushdie dopo la condanna a morte decretata dagli ayatollah nei suoi confronti nel 1989. Fu il leader iraniano Khomeini in persona a emettere la fatwa, costringendo lo scrittore a lunghi anni di clandestinità e peregrinazioni. 

La sua colpa era quella di avere scritto I Versi satanici, un libro considerato blasfemo dalla leadership politica e religiosa di Teheran. Il libro narrava la storia di due personaggi scampati per miracolo a un incidente aereo che si affrontavano per tutto il resto della loro vita come il bene e il male. In alcuni capitoli citava dei versetti del Corano presenti solo in alcune copie del Testo sacro molto antiche, che si ritenevano essere ispirati da Satana. 


Per l'occasione il quotidiano La Stampa ha intervistato Rushdie, che proprio in questi giorni ha visto rinnovarsi la fatwa contro di lui. Infatti il 17 settembre, nel pieno del caos strumentalizzato da al Qaeda dopo l'uscita del controverso film The innocence of Muslims, una fondazione iraniana ha aumentato la taglia per chi uccide lo scrittore, portandola a 3,3 milioni di euro. Come a ribadire che Salman Rushdie è colpevole di tutto lo "scontro di civiltà" tra Occidente e Islam degli ultimi 23 anni. Lo scrittore britannico di origine indiana spiega invece ai giornalisti: "La mia vicenda personale non è stato l'innesco, ma soltanto il prologo del grande disastro che sarebbe arrivato l'11 settembre". 


Della sua "vita in fuga dall'Islam" parla anche Roberto Saviano, che ha spiegato, a partire da uno scritto di Rushdie pubblicato dalla rivista americana The New Yorker, una caratteristica di Rushdie che può essere accomunata a quelle delle figure esemplari ricercate da Gariwo: "Da un lato scappi da chi ti ha condannato a morte e cerchi comunque di continuare a vivere, dall’altro sarai inviso a una parte della società che trova disdicevole che un perseguitato possa avere una vita pubblica e privata. Ma in fondo sai che la tua vera colpa è essere ancora vivo. La persecuzione non porta mai con sé vera solidarietà. Ti aspetti un sostegno che non arriva nemmeno dalle persone più vicine, che cominciano a sentirsi inadeguate, non all’altezza della situazione".


Per questo nel nuovo libro, che prende il titolo dal falso nome che Salman Rushdie ha dovuto assumere per nascondersi, il controverso autore che fu amico di Bruce Chatwin e Martin Amis parla di sé alla terza persona. È costretto a distanziarsi dal suo io intimo e a diventare per tutti semplicemente e riduttivamente lo scomodo personaggio "Rushdie". 


I rapporti con il figlio, con il padre, che era un grande studioso di Islam, con gli amici e con le donne vengono sconvolti e in alcuni casi cancellati dalla fatwa. Pierluigi Battista ricorda sul Corriere che la pubblicazione dei Versi satanici è costata la vita a un lungo elenco di editori e addetti all'editing e alle altre fasi della produzione. 

Gli amici più intimi di uomini come Rushdie e Saviano rischiano ormai di essere gli uomini della scorta.

18 settembre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Libertà di espressione

contro il pensiero unico

La libertà di espressione è tra i diritti umani fondamentali la prima a essere colpita dai regimi autoritari, con gradazioni sempre maggiori man mano che ci si avvicina al prototipo della società totalitaria. La censura impone il bavaglio alla stampa e viene impedito ai giornalisti di fare il proprio mestiere, riducendoli a semplice cassa di risonanza del governo. Anche le altre libere manifestazioni del pensiero sono sotto attacco, nessuno viene risparmiato: gli intellettuali, gli scrittori, i registi... persino le arti figurative vengono strettamente controllate. La repressione colpisce duramente tutte le forme di autonomia dell'individuo, in primo luogo le opinioni, le idee personali, che rappresentano la maggior minaccia per chi vuole imporre "il pensiero unico".
Nell'Italia fascista, nella Germania nazista e nella Russia sovietica, nella Cina maoista e nei regimi dittatoriali dell'America Latina, così come nelle moderne teocrazie e nuove autocrazie, i libri scomodi venivano messi all'indice, fino ai roghi nelle piazze,  e gli storici, scienziati, accademici, artisti non allineati costretti all'esilio o rinchiusi in carcere.
Il totalitarismo entrava nelle case e imponeva il proprio controllo all'interno della famiglia, dove dominava la paura di essere traditi persino dalle persone più care. Si innescava così un meccanismo di autocensura: per sopravvivere si preferiva rinunciare non solo a esprimere le proprie idee, ma anche a ... pensarle. Non restava che omologarsi alla dottrina espressa dal leader al potere.
Chi cerca di resistere, di mantenere la propria individualità e libertà interiore, perde tutto, ma la sua autonomia, sommata alla resistenza di tanti altri nelle stesse condizioni, mina alle fondamenta un regime dittatoriale, fino al suo crollo finale.

Multimedia

Anna Politkovskaja. Una donna sola

documentario di "La storia siamo noi"

La storia

Ayse Nur (Sarisözen) Zarakoglu

fu più volte incarcerata in Turchia per avere testimoniato la verità sul genocidio armeno