Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/pulizia-etnica-e-genocidio-nei-balcani/oko-stevanovi-23807.html
Gariwo

Doko Stevanovic (1958 - 1992)

ucciso dalla polizia serba per essersi rifiutato di abbandonare l'amico Smail Ribic

Nato nel 1958 nel villaggio di Gornje Dubravice, nel comune di Brcko, all'inizio della disgregazione della Jugoslavia si trovava in Slovenia per lavoro e fu costretto a tornare in Bosnia.

Presidente del Partito Democratico Serbo della sua comunità, durante la guerra ha sempre sostenuto e promosso la pace tra il proprio villaggio e i due villaggi vicini, uno bosniaco (Šatorovići) e l'altro croato (Donje Dubravice) e ha aiutato i civili di diverse nazionalità ad attraversare i territori sotto il controllo dell'esercito e della polizia serba.

Nel 1992, durante uno di questi episodi, si rivolse a lui Smail Ribić, segretario del Partito dell'Azione Democratica nel Comune di Brčko, decise di aiutarlo a oltrepassare il confine, in modo che potesse riunirsi alla sua famiglia fuggita in Germania. Đoko immaginava di fargli raggiungere il Paese attraverso la Serbia e poi l’Ungheria.
Purtroppo, mentre fuggivano, i due sono stati fermati dalla polizia serba nell’insediamento di Stanovi, vicino a Brcko. A Đoko fu offerta la possibilità di lasciare Ribić e tornare a casa, ma l’uomo si rifiutò di abbandonare l’amico.

Entrambi furono quindi fatti prigionieri e portati prima alla stazione di polizia di Brcko - dove sono stati picchiati per tutta la notte - e poi trasferiti nel campo di Luka.
Qui Stevanović è stato torturato e ucciso. La stessa sorte, poco dopo, è toccata anche a Ribić. I loro corpi sono stati gettati insieme in una fossa comune.
Dzafer Deronjic, uno delle migliaia di bosniaci di Brcko detenuti a Luka - dove sono stati sottoposti ad abusi, violenze e omicidi - ha più volte testimoniato davanti a tribunali nazionali e internazionali ciò che ha visto nel campo. “Ricordo bene - ha dichiarato - quando portarono Đoko Stevanović e Smail Ribić al campo. Sono stati picchiati duramente, erano coperti di sangue. Dopo circa dieci minuti, sono stati portati fuori dall'hangar e non sono più tornati. Più tardi abbiamo saputo che erano stati uccisi”.

I corpi dei due uomini sono stati ritrovati e identificati dopo la fine della guerra. Đoko è sepolto nel cimitero di Gornje Dubravice, mentre Smail riposa nel cimitero dei martiri a Brčko.

Đoko Stevanović ha sacrificato la vita per i suoi principi. Per la sua azione, nel 2015 ha ricevuto il Premio Duško Kondor per il coraggio civile.

La biografia è tratta dall’archivio del Premio Dusko Kondor per il Coraggio Civile. Ringraziamo Svetlana Broz per il materiale fornito alla redazione.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

Contenuti correlati

L’enciclopedia dei Giusti - Pulizia etnica e genocidio nei Balcani

personaggi che si sono opposti alla pratica della pulizia etnica nella ex-Jugoslavia durante la guerra scoppiata per la spartizione del territorio, dopo la dissoluzione del regime comunista seguita alla morte del generale Tito

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.