Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/resistenza-al-fondamentalismo/khalida-toumi-messaoudi-2428.html
Gariwo

Khalida Toumi Messaoudi (1958)

algerina, ministro della Comunicazione e della Cultura nel 2001

È il simbolo del movimento per i diritti e le pari opportunità delle donne nei Paesi islamici

È nata nel 1958. Di origine cabila, scrittrice ed ex insegnante di matematica, sceglie di dedicare la sua vita alla lotta per l’affermazione della parità tra i sessi, fondando nel 1985 l’“Associazione per l’uguaglianza tra l’uomo e la donna davanti alla legge”, a seguito dell’approvazione in Algeria del Codice della famiglia che reprime e schiaccia i diritti delle donne.

Nel marzo del 1993 è condannata a morte dal "Fronte Islamico di Salvezza" (F.I.S.), movimento fondamentalista algerino. Di conseguenza vive in clandestinità nel suo paese, rifiutando l’esilio per non abbandonare i suoi compatrioti. Il marzo 1993 è chiamato dagli algerini “Marzo nero” a causa dei numerosi crimini effettuati dai terroristi. 

Il 12 giugno 1993 una lettera del "Movimento per lo Stato Islamico" (MEI) firmata da Said Makhloufi ufficializza la sua condanna a morte. L’anno dopo durante una manifestazione pacifista Khalida viene ferita ad una gamba. L’attentato che provoca diversi morti e decine di feriti non ferma i manifestanti che continuano a marciare. Nonostante la condanna a morte continua a guidare numerosi cortei di donne che accusavano i politici di legarsi ai fondamentalisti.

Nel 1997 è eletta in Parlamento e in qualità di ministro partecipa alla commissione nazionale promossa dal Presidente Bouteflika per l’elaborazione di un nuovo Codice di famiglia.

Giardini che onorano Khalida Toumi Messaoudi

Trovi un albero nel Giardino Virtuale Storie Gariwo.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

Contenuti correlati

L’enciclopedia dei Giusti - Resistenza al fondamentalismo

ciò che spinge alcuni uomini a sacrificarsi e a rischiare la vita opponendosi a chi semina terrore e uccide senza pietà è l’amore per la pluralità umana, il rifiuto di una concezione del mondo che divide gli uomini per la loro religione, cultura e nazionalità.

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.