English version | Cerca nel sito:

Resistenza mafia

Pio La Torre, un giusto caduto per la giustizia e la legalità

In questi giorni ricorre l’anniversario dell’uccisione di Pio La Torre, di cui c’è memoria nel Giardino dei Giusti di Pistoia. La sua vita rimane l’ esempio luminoso di impegno etico e politico per la difesa dei diritti dei più deboli e della legalità. Di Mauro Matteucci


"Ieri e oggi, i Giusti sempre necessari"

“Ieri e oggi, i Giusti sempre necessari” è il tema scelto per celebrare quest’anno la Giornata europea dei Giusti. A Milano è in programma l'annuale cerimonia di dedica dei nuovi alberi al Giardino dei Giusti del Monte Stella, il 6 marzo alle ore 11.


Sei nuovi Giusti al Giardino di Milano

L’Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano ha indicato le figure esemplari che saranno onorate durante l’annuale cerimonia al Monte Stella in occasione del 6 marzo, Giornata europea dei Giusti. I nuovi alberi saranno dedicati a Mehmet Gelal Bey, le donne e gli uomini della Guardia Costiera, Razan Zaitouneh e Ghayath Mattar, Rocco Chinnici e Alganesh Fessah.


Don Ciotti alla Casa della Legalità

“Per colpire la mafia dobbiamo andare a cercare i suoi investimenti. Proprio come diceva Dalla Chiesa”. È con il ricordo delle parole pronunciate durante un’intervista con Giorgio Bocca dal generale Carlo Alberto Dalla Chiesa che Don Luigi Ciotti apre a Milano il suo intervento per il Festival dei beni confiscati alle mafie.


Stati generali contro la mafia

La mafia si batte solo creando sinergie e diffondendo la cultura della legalità giusta presso le giovani generazioni. È questo il presupposto da cui parte don Luigi Ciotti dando l'avvio alla terza edizione di Contromafie che si terrà a Roma dal 23 al 26 ottobre.


L'insidia alle mafie viene dalla ribellione delle coscienze

“Questo prete è una stampa e una figura che somiglia a padre Puglisi… Ciotti Ciotti, putissimu pure ammazzarlo”. Queste le parole intercettate dalla Dia di Palermo durante una conversazione in carcere tra Salvatore Riina e il boss pugliese Alberto Lorusso, avvenuta il 14 settembre 2013.


Resistenza alla mafia

ribellione morale della società civile e ruolo delle istituzioni

Possiamo definire  mafia un potere alternativo allo Stato per il controllo - delinquenziale - sul territorio.  La mafia occupa il vuoto lasciato dallo Stato, e glielo contende - anche con le stragi - quando le istituzioni tentano di colmarlo. Un approccio innovativo nell'analisi del fenomeno mafioso, utile nel determinare le condizioni per contrastarlo, parte dalla comparazione tra dominio delle cosche e Stato totalitario, nelle forme e nei risultati del controllo sulla società, che risulta assoluto in entrambi i casi, in particolare nel diffondere il terrore, nel creare le élites criminali, nel colpire i "dissenzienti", nell'isolare le persone, nel rompere i legami di sangue, nel perpetrare la rassegnazione e la sottomissione, nel negazionismo.
Come per fermare un genocidio o incrinare la forza di un regime totalitario occorre un intervento forte, sia per via statale che con la società civile, così per disinnescare la potenza della mafia occorre la sinergia tra lo Stato democratico e i cittadini, con la creazione di un polo di attrazione alternativo, che solo l’iniziativa dei singoli può esercitare. Occorre la differenza contagiosa dell’esempio edificante, il coraggio civile dei Giusti che scuota le coscienze, come è avvenuto negli anni ’80 e ‘90 con i giudici Falcone e Borsellino ... 
I Giusti sono la spina nel fianco del potere mafioso: raccontare le loro storie ... è un potente mezzo di lotta alle cosche, perchè mostra alle nuove generazioni una via d'uscita ... Per questo diventa importante l’idea innovativa dei Giardini dei Giusti contro la mafia: giardini per i giovani, ma anche per scuotere la coscienza degli adulti.

leggi tutto

Approfondimento

I Giusti contro la mafia

documento del Comitato Foresta dei Giusti-Gariwo

Multimedia

Giornata della Memoria e dell'impegno

per ricordare le vittime innocenti di tutte le mafie

La storia

​Felicia Bartolotta Impastato

la madre di Peppino Impastato