English version | Cerca nel sito:

Don Ciotti alla Casa della Legalità

a Miano per il Festival dei beni confiscati alle mafie

Nando Dalla Chiesa e don Luigi Ciotti

Nando Dalla Chiesa e don Luigi Ciotti

“Per colpire la mafia dobbiamo andare a cercare i suoi investimenti. Proprio come diceva Dalla Chiesa”. È con il ricordo delle parole pronunciate durante un’intervista con Giorgio Bocca dal generale Carlo Alberto Dalla Chiesa che Don Luigi Ciotti apre a Milano il suo intervento in occasione della terza edizione del Festival dei beni confiscati alle mafie. Il fondatore di Libera non nasconde il suo entusiasmo di parlare proprio in un bene confiscato nel capoluogo milanese, “nel cuore della città, il luogo ideale per far nascere spazi di incontro pensati per far confluire, e non disperdere, le persone”.

Il luogo di cui don Ciotti parla è la Casa della Legalità, in via Curtatone 12 - stabile confiscato alla mafia anni fa, che attualmente ospita la sede della onlus Suoni Sonori, impegnata nel recupero dei giovani attraverso la musica e le arti. Lo spazio è stato ufficialmente inaugurato oggi, alla presenza di Nando Dalla Chiesa e dell’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino, che si è detto orgoglioso della creazione di “un presidio permanente nel cuore della città, dove i cittadini potranno confrontarsi e discutere di lotta alla mafia durante tutto l’anno, non solo durante i giorni del Festival”.

Un luogo simbolo degli altri 138 edifici della Milano che guarda all’Expo sottratti alla criminalità organizzata - acquistati ad esempio con i soldi provenienti da droga, prostituzione e altri reati - e restituiti alla popolazione tramite un bando.
Si parla poi di circa un migliaio di beni confiscati in Lombardia ancora in attesa di essere sbloccati per l’operazione di affidamento alla cittadinanza.
Le leggi che regolano la materia ci sono, ma le procedure sono spesso molto lunghe.

“Se si facilitassero le norme - ha infatti ribadito Don Ciotti - si potrebbe ridurre la tempistica necessaria per ogni pratica, arrivando alla confisca di circa 55mila beni. Che si tradurrebbero in altrettante occasioni per dare lavoro, aiutare i giovani e rispondere all’esigenza abitativa in questo momento di crisi. Solo così si rafforzerebbero le ‘tre gambe’ della democrazia, che sono giustizia, dignità e responsabilità”.

Il fondatore di Libera ha concluso l’incontro sottolineando l’importanza del lavoro svolto dal capoluogo lombardo nella lotta alle mafie, augurandosi che “così come a Roma Libera ha ottenuto una sede, dedicata a Saveria Antiochia, nel centro della città, sarebbe altrettanto bello averne una anche a Milano”.

7 novembre 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Resistenza alla mafia

ribellione morale della società civile e ruolo delle istituzioni

Possiamo definire  mafia un potere alternativo allo Stato per il controllo - delinquenziale - sul territorio.  La mafia occupa il vuoto lasciato dallo Stato, e glielo contende - anche con le stragi - quando le istituzioni tentano di colmarlo. Un approccio innovativo nell'analisi del fenomeno mafioso, utile nel determinare le condizioni per contrastarlo, parte dalla comparazione tra dominio delle cosche e Stato totalitario, nelle forme e nei risultati del controllo sulla società, che risulta assoluto in entrambi i casi, in particolare nel diffondere il terrore, nel creare le élites criminali, nel colpire i "dissenzienti", nell'isolare le persone, nel rompere i legami di sangue, nel perpetrare la rassegnazione e la sottomissione, nel negazionismo.
Come per fermare un genocidio o incrinare la forza di un regime totalitario occorre un intervento forte, sia per via statale che con la società civile, così per disinnescare la potenza della mafia occorre la sinergia tra lo Stato democratico e i cittadini, con la creazione di un polo di attrazione alternativo, che solo l’iniziativa dei singoli può esercitare. Occorre la differenza contagiosa dell’esempio edificante, il coraggio civile dei Giusti che scuota le coscienze, come è avvenuto negli anni ’80 e ‘90 con i giudici Falcone e Borsellino ... 
I Giusti sono la spina nel fianco del potere mafioso: raccontare le loro storie ... è un potente mezzo di lotta alle cosche, perchè mostra alle nuove generazioni una via d'uscita ... Per questo diventa importante l’idea innovativa dei Giardini dei Giusti contro la mafia: giardini per i giovani, ma anche per scuotere la coscienza degli adulti.

leggi tutto

Approfondimento

I Giusti contro la mafia

documento del Comitato Foresta dei Giusti-Gariwo

Il libro

Una strage semplice

Nando Dalla Chiesa

Multimedia

I cento passi

di Marco Tullio Giordana (2000)

La storia

Rita Atria

una ragazza contro la mafia