English version | Cerca nel sito:

L'insidia alle mafie viene dalla ribellione delle coscienze

Don Ciotti e le minacce di Totò Riina

“Questo prete è una stampa e una figura che somiglia a padre Puglisi… Ciotti Ciotti, putissimu pure ammazzarlo”. Queste le parole intercettate dalla Dia di Palermo durante una conversazione in carcere tra Salvatore Riina e il boss pugliese Alberto Lorusso, avvenuta il 14 settembre 2013.

Il processo di beatificazione di don Puglisi, l’impegno di Libera sul territorio, la confisca e il riutilizzo dei beni mafiosi. A irritare Riina è il risveglio delle coscienze per cui don Luigi Ciotti si batte quotidianamente, la diffusione delle sue idee nelle strade, tra i giovani, che sfuggono così alle mani della criminalità organizzata. Come accadde nel 1993 con don Pino Puglisi, impegnato nella lotta alla mafia nel quartiere Brancaccio della città di Palermo. “Il quartiere lo voleva comandare iddu - dice Riina di don Puglisi - Ma tu fatti il parrino, pensa alle messe, lasciali stare... il territorio... il campo... la Chiesa... lo vedete cosa voleva fare? Tutte cose voleva fare iddu nel territorio... tutto voleva fare iddu, cose che non ci credete".

Don Pino non aveva rinunciato a denunciare la mafia nelle sue omelie, nonostante avesse ricevuto numerose minacce. Don Luigi Ciotti, insieme a Libera, si muove nel sentiero tracciato da padre Puglisi, mescolando attività pastorale e promozione civile. Essere antimafia, per don Ciotti, significa battersi per l’uguaglianza sociale, assumersi la responsabilità dell’altro, non voltare la testa dall’altra parte, rompere il silenzio, mettersi in gioco.

Proprio questo impegno ha portato alle minacce di Riina. Che don Luigi ha commentato così:

“Le minacce di Totò Riina dal carcere sono molto significative. Non sono infatti rivolte solo a Luigi Ciotti, ma a tutte le persone che in vent’anni di Libera si sono impegnate per la giustizia e la dignità del nostro Paese. Cittadini a tempo pieno, non a intermittenza.

Le mafie sanno fiutare il pericolo. Sentono che l’insidia, oltre che dalle forze di polizia e da gran parte della magistratura, viene dalla ribellione delle coscienze, dalle comunità che rialzano la testa e non accettano più il fatalismo, la sottomissione, il silenzio. Queste minacce sono la prova che questo impegno è incisivo, graffiante, gli toglie la terra da sotto i piedi.”

Nella sua lettera, don Ciotti parla anche di don Puglisi, ricordando che “un mafioso divenuto collaboratore di giustizia parlò di ‘sacerdoti che interferiscono’. Ecco - si legge nel testo, pubblicato sul sito di Libera - io mi riconosco in questa Chiesa che “interferisce”, che non smette di ritornare, perché è lì che si rinnova la speranza, al Vangelo, alla sua essenzialità spirituale e alla sua intransigenza etica”.

4 settembre 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Resistenza alla mafia

ribellione morale della società civile e ruolo delle istituzioni

Possiamo definire  mafia un potere alternativo allo Stato per il controllo - delinquenziale - sul territorio.  La mafia occupa il vuoto lasciato dallo Stato, e glielo contende - anche con le stragi - quando le istituzioni tentano di colmarlo. Un approccio innovativo nell'analisi del fenomeno mafioso, utile nel determinare le condizioni per contrastarlo, parte dalla comparazione tra dominio delle cosche e Stato totalitario, nelle forme e nei risultati del controllo sulla società, che risulta assoluto in entrambi i casi, in particolare nel diffondere il terrore, nel creare le élites criminali, nel colpire i "dissenzienti", nell'isolare le persone, nel rompere i legami di sangue, nel perpetrare la rassegnazione e la sottomissione, nel negazionismo.
Come per fermare un genocidio o incrinare la forza di un regime totalitario occorre un intervento forte, sia per via statale che con la società civile, così per disinnescare la potenza della mafia occorre la sinergia tra lo Stato democratico e i cittadini, con la creazione di un polo di attrazione alternativo, che solo l’iniziativa dei singoli può esercitare. Occorre la differenza contagiosa dell’esempio edificante, il coraggio civile dei Giusti che scuota le coscienze, come è avvenuto negli anni ’80 e ‘90 con i giudici Falcone e Borsellino ... 
I Giusti sono la spina nel fianco del potere mafioso: raccontare le loro storie ... è un potente mezzo di lotta alle cosche, perchè mostra alle nuove generazioni una via d'uscita ... Per questo diventa importante l’idea innovativa dei Giardini dei Giusti contro la mafia: giardini per i giovani, ma anche per scuotere la coscienza degli adulti.

leggi tutto

Approfondimento

I Giusti contro la mafia

documento del Comitato Foresta dei Giusti-Gariwo