Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/shoah-e-nazismo/amelia-ceruti-10722.html
Gariwo

Amelia Ceruti

nascose nel suo laboratorio decine di ebrei

Amelia Ceruti

Amelia Ceruti

Testimonianza di Daniela Da Riva, figlia di Amelia Ceruti, 28 gennaio 2014

Amelia Ceruti rimase vedova nel 1936, casalinga, con debiti e con due figlie a carico, una di sei mesi e l'altra di dieci anni. Essendo esperta nel lavoro con la macchina da cucire (confezionava abiti per sé e le sue sorelle), intraprese una piccola attività con una operaia per produrre biancheria per signora. In poco tempo a questa produzione aggiunse anche quella di tessuti, dando lavoro ad una decina di operai.

Quando iniziarono le persecuzioni razziali, Amelia nascose nel seminterrato della villetta in cui abitava, a Milano, un certo signor Mitrani, che vi rimase fino alla fine della guerra.

Amelia era molto attenta a non tradirsi e soprattutto a non farsi prendere alla sprovvista da eventuali contrattempi. Sicché, quando una notte degli ufficiali fascisti vennero a prelevarla a casa per sottoporla al riconoscimento di un perseguitato, si rifiutò di uscire col coprifuoco, adducendo come motivazione che era madre di due bambine e non se la sentiva di abbandonarle da sole in casa. I fascisti allora le intimarono di presentarsi il mattino dopo all'Hotel Regina. In quel luogo trovò ad attenderla, dietro una grande scrivania, alcuni ufficiali nazisti. Era lì presente accovacciato su una sedia un suo vecchio cliente di Genova, ebreo, di nome Polacco (nome che per ovvie ragioni era stato cambiato in Albertazzi). Amelia si sentì gelare il sangue nelle vene, ma non perse la lucidità. Con aria sorpresa disse al conoscente: "dottor Albertazzi, che ci fa lei qui?", confermando implicitamente che il nome (falso) dell'uomo fosse proprio Albartazzi.
Gli ufficiali le credettero - anche se accompagnarono la loro accettazione del riconoscimento con parole ironiche e allusioni maliziose - e lasciarono libero il dottor Polacco.

Di sera alla chetichella arrivavano nel laboratorio di Amelia decine di ebrei, che lì si riunivano per scambiarsi informazioni e decidere il da farsi. Di queste persone mi sono rimasti impressi i nomi Collodoro e Rossetti. Probabilmente erano commercianti che producevano calze di seta.

Alla fine della guerra Amelia ricevette una lettera di ringraziamento da Parigi. Dopo che ebbe finito di leggerla, disse sorridendo: "Come sono gentili! Mi hanno scritto dall'Istituto ebraico di Parigi per ringraziarmi" e, sempre sorridendo, stracciò la lettera.

Io, sua figlia, all'epoca del fatto avevo circa otto anni. 

Gariwo ringrazia Daniela Da Riva per il prezioso materiale fornito alla redazione

Segnalata dalla figlia Daniela Da Riva

Giardini che onorano Amelia Ceruti

Amelia Ceruti è onorata nel Giardino di Marina di Campo - Scuola secondaria di primo grado di Marina di Campo.

Trovi un albero anche nel Giardino Virtuale Altre storie.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

L’enciclopedia dei Giusti - Shoah e nazismo

sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.