Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/shoah-e-nazismo/benedetto-de-beni-109.html
Gariwo

Benedetto De Beni (1903 - 1966)

il capitano d'artiglieria Giusto tra le Nazioni

Bendetto De Beni

Bendetto De Beni

Benedetto De Beni nasce nel 1903 a Costermano in provincia di Verona. Laureatosi in ingegneria, viene richiamato alle armi come capitano d’artiglieria da montagna e nel 1942 è con il contingente italiano a Voroshilovgrad in Ucraina.
Il 17 luglio 1942 i tedeschi arrivano in città. Gli ebrei di Voroshilovgrad vengono registrati dalle autorità naziste e a ognuno viene appuntata sul petto una stella gialla. Tra loro ci sono due pianiste, le sorelle Sara e Rachel Turok, che vengono assegnate alla rimozione delle macerie di un cinema danneggiato dai bombardamenti. Un giorno Sara scopre un pianoforte abbandonato nel cinema e comincia a suonare la melodia di Santa Lucia.
Nelle vicinanze si trova la base di stazionamento dell’unità dei soldati italiani i quali, attirati dalle note familiari, si avvicinano alle macerie, stingono amicizia con le ragazze e offrono loro di rifugiarsi in caserma in caso di rastrellamento. Quando il 10 dicembre del 1942 iniziano le deportazioni, le due sorelle fuggono a nascondersi in caserma. Sara e Rachel iniziano così a lavorare nella cucina del campo italiano e seguono l’unità dei soldati fino alla linea del fronte. Nel 1943, per condurle in salvo, i militari fanno salire Sara e Rachel sul primo convoglio che rientra in Italia e consegnano loro una lettera del capitano De Beni per la moglie Isa, nella quale le chiede di aiutarle. Sara e Rachel arrivano ad Udine e da lì fanno avere alla signora Isa Cittadini (che è sfollata dal padre a Gromo in Val seriana) la lettera del marito. Non appena riceve la missiva Isa invia alle ragazze il denaro necessario per raggiungere la sua casa e le tiene con sé per oltre due anni, offrendo loro protezione e sostegno.

Benedetto De Beni rimane in Ucraina con il contingente italiano. Dopo l’8 settembre si rifiuta di entrare nell’esercito repubblicano e viene deportato in un campo di concentramento tedesco. Tornerà a casa a guerra finita, quando Sara e Rachel Turok sono già rientrate in Ucraina. Benedetto De Beni si spegne a Seriate il 26 gennaio 1966.

L’8 settembre 1996 sarà il figlio Bernardo De Beni a ricevere da Yad Vashem il riconoscimento postumo di Giusto tra le Nazioni. Alla cerimonia era presente Rachel Turok.

Il 4 giugno 2010 il Comune di Calcinate ha dedicato un albero del giardino in viale Olmi a Benedetto De Beni.

Giardini che onorano Benedetto De Beni

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

L’enciclopedia dei Giusti - Shoah e nazismo

sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.