Gariwo
QR-code
https://it.gariwo.net/giusti/shoah-e-nazismo/caterina-giordano-26892.html
Gariwo

Caterina Giordano

finse una gravidanza per salvare una famiglia di ebrei durante la Shoah

Tra il 9 ed il 13 settembre 1943, nel territorio di Borgo San Dalmazzo, in provincia di Cuneo, arrivarono circa 900 ebrei in fuga dalla Francia. Una delle conseguenze del Proclama Badoglio dell’8 settembre era stata infatti l’offensiva tedesca a danno delle truppe italiane nella Francia meridionale; questo territorio era così passato da un’occupazione italiana ad una tedesca, e la posizione degli ebrei che si trovavano in quelle zone si era ulteriormente complicata. Molti di loro, quindi, decisero di spostarsi verso il Piemonte.

Tra queste famiglie si trovavano anche Vigdor Korn e la moglie incinta Jenta Lenjower, che si erano spostati insieme a Ester Lenjower e Regina Kirschbaum, sorella e madre di Jenta, il marito di Ester Markus Apterbach ed il loro bambino Isidor. I Korn avevano un urgente bisogno di un riparo dal freddo dell’inverno e dai nazi-fascisti a causa della gravidanza di Jenta, che si avvicinava, giorno dopo giorno, al momento del parto. Questa ospitalità venne fornita loro da due famiglie del posto, i Giordano-Landra ed i Desderi.

Inizialmente, i polacchi trovarono rifugio nella frazione di Beguda, in casa della signora Caterina Giordano. La casa era attigua al negozio di alimentari a gestione familiare, ed era quindi un posto molto frequentato. Caterina si preoccupò subito dei problemi che avrebbero potuto creare i pianti del nascituro o nascitura, e decise quindi di iniziare a fingere una gravidanza per poter poi spacciare il figlio come suo e non dare nell’occhio. Il 24 febbraio 1944 Jenta partorì la piccola Frimeta Amalia Maria Gabriella Korn, che nacque proprio a Beguda.

La famiglia era diventata a quel punto troppo numerosa, contando addirittura sette componenti. I Giordano-Landra trovarono quindi un accordo con la famiglia Desderi: ogni giorno, alle prime luci dell’alba, i Korn e gli Apterbach si sarebbero trasferiti nella cascina della famiglia Desderi, a pochi chilometri da Beguda, e lì sarebbero rimasti fino al tramonto; una volta tornato il buio, sarebbero quindi tornati a casa dei Giordano-Landra.

Pochi giorni dopo la nascita della bambina, però, alcuni fascisti della Legione autonoma mobile Ettore Muti in cerca di ebrei catturarono Vigdor Korn, che venne fucilato poco dopo. L’assassinio del marito venne tenuto nascosto a Jenta, alla quale venne detto che Vigdor aveva deciso di unirsi ai partigiani locali e prendere la via delle montagne; gli altri membri della famiglia, infatti, avevano paura che la donna sarebbe impazzita dalla disperazione e che avrebbe compiuto qualche gesto in grado di mettere in pericolo la copertura e la sicurezza delle famiglie e di chi le stava aiutando a nascondersi. I Korn e gli Apterbach vennero poi aiutati a trasferirsi in un’altra proprietà dei Desderi maggiormente nascosta nella montagna, dove sarebbero stati al riparo dai pericoli dei centri urbani. Da qui a inizio autunno 1944 vennero accompagnati a Demonte, sempre nella provincia di Cuneo, dove grazie alla solidarietà della popolazione e al supporto economico del parroco locale Don Viale riuscirono a sopravvivere alla guerra.

Al ricordo di questa storia sono dedicati alcuni pannelli del progetto MEMO4345, allestito a Borgo San Dalmazzo.

Si ringrazia per il supporto nella ricerca su questa storia Gigi Garelli, direttore dell’Istituto storico della Resistenza di Cuneo, la curatrice di MEMO4345 Adriana Muncinelli e la nipote di Caterina, Viviana Giordano. La foto in copertina è una gentile concessione di Viviana Giordano.

Alessandro Colombini, storico

Caterina Giordano è stata onorata come “Giusta segnalata dalla società civile” nella cerimonia del 2024.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Grazie per aver dato la tua adesione!

Contenuti correlati

L’enciclopedia dei Giusti - Shoah e nazismo

sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.