Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/shoah-e-nazismo/gilberto-bosques-saldivar-10225.html
Gariwo

Gilberto Bosques Saldívar (1892 - 1995)

lo Schindler messicano

Gilberto Bosques Saldívar nasce il 20 luglio 1892 a Villa de Chiautla de Tapia, nello Stato di Puebla. Studia alla Scuola Normale dello Stato e, da studente, entra a far parte del Movimento Rivoluzionario del 1910 guidato da Aquiles Serdán Alatriste. 

Una volta che la lotta armata ha termine, prende parte alla Costituente di Puebla. La sua opera legislativa a favore degli operai è decisiva per fare includere i diritti sociali nella Legge costituzionale di Puebla. Tra il 1922-’23 e il 1934-’37 rappresenta Puebla come Deputato Federale al Parlamento nazionale del Messico. Fonda l’ala sinistra del Blocco Rivoluzionario Nazionale e nel 1937 redige il giornale ”The National”. Questo periodo è uno dei più interessanti nella vita del giornale governativo. Bosques abbandona la politica per dedicarsi al Corpo Diplomatico Messicano. L’allora Presidente del Messico, Lázaro Cárdenas, lo nomina Console Generale in Francia durante gli anni dell’occupazione nazista.

Dal 1939 al 1943 Bosques adempie alla sua missione diplomatica presso il governo collaborazionista del Maresciallo Pétain nel porto di Marsilla e da qui incoraggia moltissimi ebrei, leader della resistenza francese e austriaca, repubblicani spagnoli e altri perseguitati a fuggire in Messico. Nel 1943 l’esercito nazista interruppe il suo lavoro e lo privò della libertà, confinandolo con la famiglia a Bad Godesberg per un anno, in palese violazione delle Convenzioni Internazionali sul trattamento dei rappresentanti diplomatici in tempo di guerra. Un accordo tra il governo messicano e il Reich in via di sgretolamento gli permise di tornare in Messico appena prima della fine della guerra. Nel 1944 Bosques, autore di un’ampia opera letteraria, scrisse in uno dei suoi innumerevoli articoli: “Ho seguito la politica del mio Paese, aiutando, offrendo sostegno materiale e morale agli eroici difensori della Repubblica Spagnola, ai coraggiosi paladini della lotta contro Hitler, Mussolini, Franco, Petain e Laval.” 

Più tardi, Bosques fu Ambasciatore del Messico in Portogallo, Finlandia, Svezia e Cuba, dove visse durante gli anni della caduta del regime di Fulgencio Batista e l’ascesa di Fidel Castro. Come ambasciatore trasformò il suo desiderio di libertà ereditato dai suoi antenati in realtà. La sua strenua e proficua opera in aiuto dell’umanità gli permise di conseguire moltissime onorificenze internazionali. La popolazione di Puebla gli ha reso un meritato omaggio inscrivendo il suo nome nelle parenti del Congresso dello Stato di Puebla. 

In una lettera indirizzata a Bosques il 23 marzo 1941, il dott. Alfred Kantorowicz, un sopravvissuto ebreo, pieno di gratitudine, scrisse: "Sono lieto di annunciare che partiremo domani per il Messico, via Martinica. Non posso lasciare Marsiglia senza ripetere i ringraziamenti sinceri, sia di mia moglie che miei, per tutto ciò che ha fatto per noi. Se possiamo partire, è grazie alla sua protezione e al suo aiuto”. 

Dal 4 giugno 2003, una strada di Vienna è intestata a Gilberto Bosques, grazie all’iniziativa congiunta delle autorità cittadine, dell’Ambasciata messicana in Austria e della Fondazione Raoul Wallenberg. Gilberto Bosques si è spento nel 1995 all’età di 103 anni.  

Segnalato da Baruj Tenembaum, Presidente della International Raoul Wallenberg Foundation

Giardini che onorano Gilberto Bosques Saldívar

Trovi un albero nel Giardino Virtuale Altre storie.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

Contenuti correlati

Collegamenti esterni

L’enciclopedia dei Giusti - Shoah e nazismo

sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.