Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/shoah-e-nazismo/harald-petersen-24216.html
Gariwo

Harald Petersen (? - 1994)

Nel 1943, il contadino Harald Petersen salvò la vita di una coppia ebrea e del loro figlio di un anno e mezzo

Prima dello scoppio della guerra nel 1939, Richard ed Erna Hausmann, una coppia ebrea, scapparono dalla Germania in Svezia. I loro permessi di soggiorno, però, non potevano essere rinnovati, così i coniugi decisero di partire per la Danimarca, dove trovarono lavoro nelle fattorie del sud della Zelanda. Per un breve periodo Richard lavorò nella fattoria di Harald Petersen, mentre sua moglie venne assunta in una fattoria confinante, entrambe nella parrocchia di Kongsted. In seguito, la famiglia Hausmann trovò lavoro ad Haslev, dove nacque il loro figlio Herman. 

Nel 1941 Harald Petersen e sua moglie Agnete, si trasferirono in una fattoria a Ostbakkegaard, 15 km a ovest di Copenaghen. Un anno dopo, i coniugi Hausmann furono assunti nella fattoria dei Petersen come pastori. Il 30 settembre 1943, il signor Petersen venne a conoscenza del piano dei tedeschi di deportare nei campi di concentramento tutti gli ebrei della Danimarca. La mattina seguente, portò la famiglia Hausman a Copenaghen, dove entrò in clandestinità rimanendo nascosta con degli amici a Bronshoj, nei sobborghi. Dopo varie ricerche, Harald trovò un gruppo di pescatori, al porto di Copenaghen, disposto a trasportare gli ebrei in Svezia. Nel corso della notte tra il 3 e il 4 ottobre 1943, la famiglia Hausmann insieme ad un gruppo di ebrei venne trasportata in Svezia con un peschereccio dai pescatori. Harald, che aveva pagato 3000 corone in anticipo per conto degli Hausmann per il loro trasporto in Svezia, rimase vicino al deposito delle reti dei pescatori fino al giorno seguente, e se ne andò solo quando i pescatori fecero ritorno e lo rassicurarono che tutti gli ebrei erano arrivati in Svezia senza problemi.

Nel 1983 la famiglia Hausmann visitò i coniugi Petersen a Copenaghen, perché voleva esprimere loro tutta la sua gratitudine per l’aiuto che aveva ricevuto quando fu costretta a scappare in Svezia.

Il 28 marzo 1990 il signor Harald Petersen venne riconosciuto “Giusto tra le Nazioni” dallo Yad Vashem.

La storia del salvataggio degli ebrei danesi sarà raccontata nel libro di Andrea Vitello “Il nazista che salvò gli ebrei. La storia del salvataggio degli ebrei danesi” (Le lettere, Firenze, ottobre 2021). Il libro avrà la prefazione di Moni Ovadia e la postfazione di Gabriele Nissim.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

L’enciclopedia dei Giusti - Shoah e nazismo

sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.