Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/shoah-e-nazismo/refik-veseli-e-famiglia-168.html
Gariwo

Refik Veseli e famiglia

albanesi di Kruja

La famiglia Mandil viene dalla Jugoslavia, dove Moshe è titolare di un fiorente negozio di fotografia. Quando i tedeschi invadono la Jugoslavia, nell’aprile 1941, i Mandil scappano nel Kosovo che è sotto controllo italiano, che lascia gli ebrei relativamente tranquilli. Verso la fine dell’estate 1942, i fuggitivi sono costretti a spostarsi più all’interno dell’area controllata dall’Italia, in Albania, dove la maggior parte della popolazione è musulmana. Moshe ed Ela Mandil con i figli Gavra e Irena trovano alloggio a Tirana. Mentre guarda i negozi di fotografia, Mandil trova quello gestito da uno dei suoi ex apprendisti, Neshad Prizerini. Non solo Prizerini offre lavoro a Mandil, ma propone anche di ospitare tutta la sua famiglia.

Nel negozio di fotografia Mandil conosce l’apprendista di Prizerini, il diciassettenne Refik Vezeli, che è stato mandato dai genitori dal villaggio di Kruja a Tirana per imparare il mestiere. Dopo l’invasione tedesca dell’Albania la situazione si fa pericolosa per gli ebrei e Veseli propone ai Mandil di rifugiarsi in montagna, a casa dei suoi genitori, dove li conduce con un lungo viaggio a dorso di mulo sul duro terreno roccioso. Prendono strade laterali spostandosi di notte e nascondendosi in caverne durante il giorno per evitare di essere scoperti dai militari tedeschi.

A Kruja, Moshe ed Ela vengono nascosti in una piccola stanza sopra la stalla, mentre i loro bambini si mescolano ai figli dei Veseli. Un po’ di tempo dopo il loro arrivo, il fratello di Refik, Xhemal, porta un’altra famiglia ebrea da Tirana: Ruzhhica e Yosef ben Yosef con la sorella Finica. Verso la fine della guerra l'attività militare e i rastrellamenti di partigiani si intensificano, il villaggio viene bombardato e ci sono ispezioni nell'area, ma i rifugiati non vengono scoperti. Le due famiglie rimangono con i Veseli nel loro paesino di montagna fino alla liberazione nel novembre 1944.
Dopo la guerra, i Mandil si trasferiscono a Novi Sad e Moshe riapre un negozio di fotografia. Refik viene invitato a vivere con loro e a continuare il proprio tirocinio come fotografo. Rimane con la famiglia Mandil fino alla sua emigrazione in Israele e mantiene i contatti anche dopo, nonostante la distanza.

Nel 1987 a Refik Veseli e ai suoi genitori Fatima e Vesel è stata assegnata l’onoreficienza di “Giusti fra le Nazioni”. Dal 1992 è attiva a Tirana l’Associazione Albania – Israele, fondata da Refik.

Giardini che onorano Refik Veseli e famiglia

Refik Veseli e famiglia è onorato nel Giardino di Yad Vashem.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

L’enciclopedia dei Giusti - Shoah e nazismo

sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.