Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Soccorritori

Elevazione morale, Gariwo e l'importanza di ri-raccontare le storie dei Giusti

L'antropologo Craig T. Palmer, già professore all'università del Missouri, riflette sul compito di Gariwo di raccontare e fare conoscere le storie e l'esempio morale dei Giusti, illustrando il concetto di "elevazione morale", il desiderio che queste storie instillano nelle persone, di emulare i comportamenti virtuosi.


Il soccorso americano durante il nazismo

La mostra del Museo dell’Olocausto di Washington, Americans and the Holocaust, descrive il comportamento del popolo americano rispetto alla Shoah, evidenziandone in particolare le mancanze, e i momenti in cui avrebbe potuto intervenire per ridurre le vittime. Nonostante questo però, ci racconta anche storie di aiuto da parte di persone e organizzazioni americane verso gli ebrei durante gli anni della persecuzione nazista.


Angelina Peronato , "L'angelo dei Gentilli"

Figura storica della scuola, della cultura e della politica di Vicenza, Angelina viene ricordata per la sua grande generosità verso il prossimo: fu educatrice amata dai suoi studenti, ricoprì l’incarico di infermiera volontaria della Croce Rossa e fu presidente dell’Opera Pia “Angela Fiorasi” di Vicenza. Durante la guerra nascose degli ebrei assistendoli in ogni loro necessità con forza e sprezzo del pericolo.


Il MOAS mantiene accesa una speranza per i Rohingya

"Ci impegneremo affinché nessun bambino, nessuna donna e nessun uomo si senta abbandonato o perda la vita in mare su mezzi insicuri". Il MOAS riposiziona la Phoenix nel mare delle Andamane per condurre un monitoraggio indipendente della durata di un mese prima dell’arrivo della stagione monsonica, per acquistare maggiore conoscenza dello scenario operativo nella regione, tenendosi pronti a rispondere ad eventuali emergenze SAR con un team di professionisti del settore a bordo.


L’eroe sconosciuto che salvava i bambini ad Auschwitz

Fredy Hirsch, l'atleta ceco, gay dichiarato, che aiutò i bambini deportati a Terezin e Auschwitz con una combinazione necessaria di disciplina e igiene. Dall'agonismo alla pratica quotidiana della giustizia anche nelle situazioni più estreme, vi proponiamo la sua storia, raccontata su Haaretz il 5 aprile dalla docente di Storia della Shoah all'università Ben Gurion di Israele Michal Aharony.


L'insegnante olandese che salvò 600 bambini durante la Shoah

Johan Van Hulst, morto il 22 marzo all'età di 107 anni, durante la guerra dirigeva un college ad Amsterdam. Il suo istituto venne a trovarsi accanto a una sorta di "nursery" collegata a un campo di transito per la deportazione degli ebrei, e lui scelse di aiutare i bambini a fuggire, accogliendoli nelle classi e smistandoli presso famiglie di resistenti. 


Soccorritori

chi salva una vita salva il mondo intero

Nel Memoriale di Yad Vashem, a Gerusalemme, il Giardino dei Giusti ricorda chi cercò di salvare gli ebrei durante la Shoah, chi li nascose, chi li aiutò a espatriare con documenti falsi, chi li sfamò o diede loro un lavoro, chi, vedendoli soffrire, li soccorse in qualche modo invece di rimanere indifferente. Nel Muro della Memoria di Yerevan le lapidi ricordano i soccorritori degli armeni durante il genocidio del 1915, coloro che cercarono di fermare i massacri, che si rifiutarono di obbedire agli ordini, che diedero rifugio ai bambini, che denunciarono al mondo lo sterminio che stava avvenendo sotto i loro occhi impotenti.
Nel 1994 in Rwanda alcuni tutsi, braccati dalle milizie interahamwe, furono protetti da vicini di casa, amici -, a volte anche estranei - dell'etnia hutu, che si erano rifiutati di partecipare alla "caccia all'uomo" con il macete organizzata da altri hutu per sterminare la minoranza tutsi nel Paese.
Negli stessi anni in Bosnia la pulizia etnica colpiva migliaia di vittime innocenti e chi riuscì a sfuggire ai massacri fu aiutato nel medesimo modo, da vicini di casa, compagni di scuola, amici, o sconosciuti, di altre etnie.
Ancora oggi, in molte parti del mondo, questi soccorritori rischiano la vita, a volte la perdono nel portare aiuto alle vittime, divenendo vittime essi stessi. Altre volte perdono il lavoro, il benessere, il riconoscimento sociale, o vengono imprigionati, torturati, emarginati. In ogni caso, ancor prima di iniziare, sanno di correre un pericolo, ma preferiscono rischiare piuttosto che convivere con il peso del rimorso per essere rimasti indifferenti. Con la loro azione ogni volta "salvano il mondo intero", come recita il Talmud.

Multimedia

Soccorso 23 ottobre 2014

le immagini della Guardia Costiera

La storia

Enrico Calamai

vice console che ha salvato 300 persone dalla dittatura militare