English version | Cerca nel sito:

Convegno a Padova

sui "Giusti" per gli Armeni e per gli Ebrei

Comune di Padova – Assessorato alla Cultura 
Università di Padova 
Comitato Promotore della "Foresta Mondiale dei Giusti" 

Padova, 30 novembre-2 dicembre 2000 
Sala dei Giganti (Liviano)


PRIMO GIORNO
30 novembre, ore 9.30 – Sala dei Giganti 

Saluti di apertura 
Giuliano Vassalli, già Presidente della Corte Costituzionale 
Giovanni Marchesini, Magnifico Rettore dell’Università di Padova 
Giustina Destro, sindaco di Padova 
Giuliano Pisani, assessore alla Cultura 

Moderatore: Siobhan Nash Marshall (St. Thomas University, Minneapolis) 


Relazione introduttiva
Gabriele Nissim (storico, Milano): Il valore universale del concetto di “Giusto” in relazione ai genocidi del nostro secolo 

Antonia Arslan (Università di Padova): Volti del “Giusto” nella cultura armena 


Dibattito

Ore 15 
Moderatore: Marcello Flores (Università di Siena) 

Mordechai Paldiel (presidente del Dipartimento dei Giusti di Yad Vashem): Les critères d’évaluation pour l’attribution du titre de “Juste” par la Commission de Yad Vashem 

Raymond Kevorkian (Université de la Sorbonne, Parigi): Pour une tipologie des “Justes” dans l’Empire Ottoman face au génocide des Arméniens 

Carla Tonini (Università di Bologna): Il caso anomalo di Zofia Kossak: l'”antisemita” polacca che salvò gli ebrei 

Dibattito 

SECONDO GIORNO 
1 dicembre, ore 9.30 – Sala dei Giganti 

Moderatore Francesco M. Cataluccio (saggista, Milano) 

Laura Boella (Università di Milano): Cuori indistruttibili. Passioni e azioni di chi preserva l'“umanità nei tempi oscuri” 

Nadia Neri (psicologa analista, Roma): Etty Hillesum: un’estrema compassione, la risposta esemplare di una vittima di fronte al male estremo 

Coffee break 

Testimonianze 
Franco Perlasca, sulla figura del padre Giorgio 

Mischa Wegner, sulla figura del padre Armin Theophil 

Istvàn Bibò e Judith Bibò, sulla figura del padre e suocero Istvàn 

Dibattito 

Ore 15 
Moderatore: Riccardo Chiaberge (giornalista, “Il Sole 24 ore”, Milano) 

Yves Ternon (storico, Parigi): La vérité refusée: étude comparative de la négation de la Shoah et du génocide arménien

Susan Zuccotti (saggista, New York): The Clergy, the Vatican, and the Rescue of Jews in German-Occupied Italy

Coffee break 

Hilmar Kaiser (Istituto Universitario Europeo, Fiesole): A “Righteous” for the Armenians: Beatrice Rohner 

Boghos Levon Zekiyan (Università di Venezia): Riflessioni sulla trasposizione semantica del concetto di “Giusto” nel contesto del “Metz Yeghèrn” armeno 

Pietro Kuciukian (saggista, membro dell’Unione degli Armeni d’Italia): I "Giusti" per gli Armeni, la memoria è il futuro. Progetto per un comitato internazionale 

Dibattito

 Cocktail alla Sala dei Giganti 

Concerto di Vladimir Ugorski al Teatro Verdi 

TERZO GIORNO 
2 dicembre, ore 8.30 – Cinema “Supercinema”, via Emanuele Filiberto 

Filmato Destinazione il nulla, sulla figura di un “Giusto” per gli armeni 
Presentazione di Carlo Massa 

Ore 9.30 
Tavola rotonda: Analogie e differenze del concetto di “Giusto” in alcuni genocidi del Ventesimo secolo e nei crimini contro l’umanità: il genocidio armeno, la Shoah, il GULag, la pulizia etnica nella ex-Jugoslavia
Moderatore: Gianni Scalia (Università di Siena) 

Interventi di Svetlana Broz (saggista, Sarajevo), Constantin Simirad (sindaco di Jasi, Romania), Victor Zaslavsky (LUISS, Roma), Agopik Manoukian (sociologo, presidente dell’Unione degli Armeni d’Italia) e Stefano Levi della Torre (Università di Milano) 

Conclusioni di Gabriele Nissim (coordinatore del Comitato promotore della "Foresta mondiale dei Giusti")

30 novembre 2000

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Testimoni di verità

per fermare i carnefici e difendere il futuro

Il ruolo del testimone nel corso di un genocidio è molto importante perchè permette di denunciare  il crimine in corso e di chiedere al mondo di arrestarlo.Lo fece già Armin Wegner all'inizio del secolo scorso, durante il genocidio degli armeni in Anatolia. Rimase inascoltato, come rimase inascoltato Jan Karski, messaggero della resistenza polacca a Londra e a Washington, che non riuscì a perdonarsi per il resto della vita di non aver potuto convincere "i potenti" della necessità di intervenire per fermare la Shoah.

Entrambi, tuttavia, non si limitarono a chiedere l'intervento internazionale, ma sentirono il dovere di documentare la persecuzione. Divenne testimoni oltre il presente, per il futuro.Wegner scattò, con grave pericolo personale, centinaia di fotografie, unico documento esaustivo giunto fino a noi che permette di smentire ogni tentativo di negare il genocidio armeno e rende giustizia alle vittime. Karski volle verificare di persona, a rischio della vita, cosa succedeva nel Ghetto di Varsavia e nei lager nazisti in cui venivano deportati gli ebrei, per poterne testimoniare in modo irrefutabile, contro il disegno di occultare le prove dello sterminio.

Gli scrittori, i poeti, gli intellettuali che osarono denunciare in Unione Sovietica il regime dispotico che toglieva la libertà e la dignità furono rinchiusi nei gulag, dove molti di loro morirono di fame e di stenti.

leggi tutto

Multimedia

Volontario all’inferno. La storia di Witold Pilecki e di Dimitar Peshev

Claudio Visentin intervista Gabriele Nissim su RSI - Geronimo storia

La storia

Romeo Dallaire

generale che cercò invano di avvisare l'ONU dell'imminente genocidio in Ruanda