English version | Cerca nel sito:

Interviste

Iran, una svolta storica

Dopo oltre venti mesi di trattative, l’Iran e le grandi potenze hanno trovato un accordo sul nucleare. Un’intesa importante, destinata ad avere forti ripercussioni sugli equilibri regionali, sulla lotta al terrorismo internazionale, sui rapporti tra Teheran e Washington e sull’economia iraniana. Ne abbiamo parlato con Antonio Ferrari, editorialista del Corriere della Sera.


​“Gli ebrei onorino i Giusti”

La Polonia ha una storia drammatica ed è purtroppo ancora relativamente poco conosciuta. Vi avvengono fatti significativi, come nuove elezioni, una polemica a Varsavia sul Monumento per i Giusti e un goffo tentativo di alienare parti dell'ex lager di Belzec. Abbiamo provato a decifrare questi fatti con Annalia Guglielmi e il reporter e attivista ebreo polacco Konstanty Gebert


I terroristi non rappresentano l'Islam

Il caos in Iraq e Siria e le violenze dell'ISIS non devono essere riverberati sull'intero Islam, una comunità di oltre un miliardo e mezzo di fedeli, di cui il mondo arabo è solo una parte. Lo dice Paolo Branca, professore di Lingua e Letteratura araba all'Università Cattolica di Milano, esperto di Islam, che sollecita i paesi europei a smettere di considerare i seguaci dell'Islam come 'casi speciali'.


​Fuga per la salvezza nella Croazia occupata

Zeev Milo ha 93 anni. Figlio di mugnai croati, ebreo scampato alla Shoah grazie alla fuga nella zona italiana della Jugoslavia, da 65 anni vive a Tel Aviv, dove per gratitudine verso chi lo ha salvato, ha pubblicato vari libri sulla sua storia. Giovedì 18 giugno l'abbiamo incontrato nella sede di Gariwo.


Alimentare la curiosità verso il Giardino dei Giusti

Dal 2008 l'UCEI è parte, insieme al Comune di Milano e a Gariwo, dell'Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano. Giorgio Mortara, consigliere UCEI, ci ha parlato dei punti di forza del progetto dell'arch. Valabrega e della necessità di fornire al Giardino elementi che lo identifichino meglio e alimentino la curiosità dei cittadini.


Il naturale sviluppo dei Giardino dei Giusti

Gaetano Liguori, pianista e compositore, vincitore dell'Ambrogino d'Oro nel 2013, è da anni al fianco di Gariwo con la sua musica. Il suo nome è tra i firmatari dell'appello promosso da Gariwo per sostenere il progetto dell'architetto Valabrega di riqualificazione del Giardino dei Giusti di Milano.


Gariwo, la foresta dei Giusti

una onlus al servizio della memoria

L'intento di Gariwo è di accrescere e approfondire la conoscenza e l'interesse verso le figure e le storie dei Giusti, donne e uomini che si sono battuti e si battono in difesa della dignità
Opera dal 1999 ma nasce ufficialmente nel 2001 come Comitato foresta dei Giusti-Gariwo e nel 2009 diventa onlus. È presieduto da Gabriele Nissim. 

Nel 2003 è nato il Giardino dei Giusti di tutto il mondo al Monte Stella di Milano, che dal 2008 è gestito dall'Associazione per il Giardino dei Giusti, di cui Gariwo fa parte con il Comune e l'UCEI.
Nel 2012, accogliendo l'appello di Gariwo, il Parlamento europeo ha istituito la Giornata europea dei Giusti - 6 marzo. Nel 2017 l'Italia è stato il primo Paese a riconoscerla come solennità civile, istituendo la Giornata dei Giusti dell'Umanità.

I nostri contatti