English version | Cerca nel sito:

Interviste

La Turchia a cento anni dal Metz Yeghern

Le parole di papa Francesco sul "primo genocidio del Novecento", i rapporti di Ankara con Mosca, la partita geopolitica sul riconoscimento del Metz Yeghern e il negoziato sul nucleare. Di tutto questo abbiamo parlato con Antonio Ferrari, editorialista del Corriere della Sera.


Turchia, il negazionismo va combattuto nella scuola

Il negazionismo del genocidio armeno non potrà essere superato se non cambia la formazione scolastica, basata su invenzioni e falsità, dice Aldo Ferrari, armenista all'Università Ca' Foscari di Venezia. Negli ultimi anni è cresciuta l'attenzione al recupero del grande patrimonio culturale armeno in Turchia.

 


A cinque anni in fuga dal Rwanda

A soli 5 anni Bibi ha vissuto la tragedia del genocidio rwandese. Oggi è una giovane donna che sta finendo gli studi di medicina a Roma. La sua storia è raccontata nel libro Dall'inferno si ritorna (Giunti Editore) dell'inviata del Tg2 Christiana Ruggeri.


"I Giusti mostrano la nostra comune umanità"

Dyana Shaloufi Rizek è responsabile del Museo di Neve Shalom-Wahat Salam, un villaggio cooperativo abitato da ebrei e arabi palestinesi, dove le celebrazioni per il 6 marzo, Giornata europea dei Giusti, si sono tenute il giorno 10, per la prima volta in Israele. L’abbiamo intervistata sulle sue attività di promozione dell’esempio dei salvatori nel conflitto israelo-palestinese.


​“Affrontare le pagine buie della storia con empatia”

Ulrich Klan è scrittore, compositore, co-fondatore e Presidente della Armin T. Wegner Society. L'abbiamo intervistato sulla prima celebrazione della Giornata europea dei Giusti in Germania, il 6 marzo a Düsseldorf, e sui temi della "riconciliazione" armeno-turca e dell'immigrazione islamica. 


​“La difficoltà di aggiornamento dell'Islam”

Sul problema dell’ISIS e del jihadismo europeo abbiamo intervistato Khaled Fouad Allam, autore di numerosi libri sui problemi dell’integrazione dei musulmani, di cui il più recente è Il jihadista della porta accanto.


Gariwo, la foresta dei Giusti

una onlus al servizio della memoria

L'intento di Gariwo è di accrescere e approfondire la conoscenza e l'interesse verso le figure e le storie dei Giusti, donne e uomini che si sono battuti e si battono in difesa della dignità
Opera dal 1999 ma nasce ufficialmente nel 2001 come Comitato foresta dei Giusti-Gariwo e nel 2009 diventa onlus. È presieduto da Gabriele Nissim. 

Nel 2003 è nato il Giardino dei Giusti di tutto il mondo al Monte Stella di Milano, che dal 2008 è gestito dall'Associazione per il Giardino dei Giusti, di cui Gariwo fa parte con il Comune e l'UCEI.
Nel 2012, accogliendo l'appello di Gariwo, il Parlamento europeo ha istituito la Giornata europea dei Giusti - 6 marzo. Nel 2017 l'Italia è stato il primo Paese a riconoscerla come solennità civile, istituendo la Giornata dei Giusti dell'Umanità.

I nostri contatti