Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Interviste

Svetlana Aleksievic, Premio Nobel per la Letteratura

Scrittrice e saggista, metà ucraina e metà bielorussa,Svetlana Aleksievic ha vinto il Nobel per la Letteratura 2015 per la sua "opera polifonica, un monumento al coraggio e al dolore della contemporaneità". Lo scorso anno, Anna Maria Samuelli e Pietro Kuciukian hanno incontrato la scrittrice a Milano. Ecco cosa si sono detti.


​“I giovani della Siria devono poter studiare”

Elena Isayev, Prof. di Storia Antica all’Università di Exeter, ci offre un esame critico del concetto di "migrazione" nella nostra cultura e suggerimenti su come i giovani siriani possono essere aiutati a fare la differenza. La morte dell'archeologo Khaled al-Asaad? "Un forte choc per tutta la comunità scientifica". 


In Siria grande coalizione ma il dilemma è Assad

Bloccate da veti incrociati le grandi potenze non hanno saputo fermare la guerra in Siria e ora il dilemma è se per sconfiggere l'ISIS sia lecito allearsi ai principali nemici dei diritti umani, cioè Assad e i suoi uomini, dice Marcello Flores, docente di Storia comparata e Storia dei diritti umani nell'Università di Siena, che ritiene fondamentale un accordo tra Stati Uniti, Russia, Iran, Arabia Saudita e Turchia.


Weirich, un "Giusto ritrovato"

Pubblicato in Italia nel 2007 con il titolo Un giusto ritrovato, il libro di Alberto Tronchin narra la storia di Karel Weirich, giornalista di origini ceche nato e cresciuto a Roma, dove lavorava come corrispondente per la Santa Sede e per il Messaggero, che salvò durante la guerra decine di ebrei cecoslovacchi.


​“L’Ungheria ha la sindrome del baluardo”

Il professore della John Cabot University Federigo Argentieri ci svela i retroscena del rifiuto di Viktor Orbán di accogliere gli immigrati. Secondo lui è la componente islamica del flusso di neo-arrivati che scoraggia il multiculturalismo. Ma non bisogna cedere alla "tendenza quasi irresistibile dei media, a semplificare e a fare uso di luoghi comuni e stereotipi". 


Palmira, la Siria e la "guerra per tappe"

Lo scorso 20 agosto l’editorialista del Corriere della Sera Antonio Ferrari suggeriva di ricordare Khaled al-Asaad al Giardino del Monte Stella. Milano ha deciso di rendere omaggio al custode di Palmira, e di onorarlo al Giardino dei Giusti. Con Antonio Ferrari abbiamo parlato di questo riconoscimento, di Palmira e dell’attuale situazione in Siria.


Gariwo, la foresta dei Giusti

una onlus al servizio della memoria

L'intento di Gariwo è di accrescere e approfondire la conoscenza e l'interesse verso le figure e le storie dei Giusti, donne e uomini che si sono battuti e si battono in difesa della dignità
Opera dal 1999 ma nasce ufficialmente nel 2001 come Comitato foresta dei Giusti-Gariwo e nel 2009 diventa onlus. È presieduto da Gabriele Nissim. 

Nel 2003 è nato il Giardino dei Giusti di tutto il mondo al Monte Stella di Milano, che dal 2008 è gestito dall'Associazione per il Giardino dei Giusti, di cui Gariwo fa parte con il Comune e l'UCEI.
Nel 2012, accogliendo l'appello di Gariwo, il Parlamento europeo ha istituito la Giornata europea dei Giusti - 6 marzo. Nel 2017 l'Italia è stato il primo Paese a riconoscerla come solennità civile, istituendo la Giornata dei Giusti dell'Umanità.

I nostri contatti