Gariwo
QR-code
https://it.gariwo.net/magazine/diritti-umani-e-crimini-contro-lumanita/milano-senza-voce-26604.html
Gariwo Magazine

Milano senza voce

Al corteo pro Gaza slogan d’odio, nessuno condanna. La sveglia in Consiglio comunale

Riprendiamo integralmente l'articolo "Milano senza voce. Al corteo pro Gaza slogan d’odio, nessuno condanna. La sveglia in Consiglio comunale", firmato da Maurizio Crippa e uscito su "Il Foglio" del 24 ottobre 2023. Nell'articolo è presente un'intervista a Gabriele Nissim, Presidente della Fondazione Gariwo.

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Milano. "C’è il Var in corso". Scherza ma non troppo Daniele Nahum, Consigliere comunale del PD ed esponente della Comunità ebraica, riferendosi alla diatriba sull’audio registrato alla manifestazione pro Palestina di sabato, in cui si sarebbe sentito gridare, in arabo, "aprite i confini così possiamo uccidere gli ebrei". Ma che potrebbe essere declassato a un "andiamo a invadere gli ebrei". Come se fosse davvero differente. "Appunto – dice Nahum, che ha inviato una lettera al prefetto chiedendo vengano identificati i responsabili – il problema è che in una città come Milano non si è sentita una voce di condanna, c’è un clima di odio che sta crescendo". Ieri ha presentato un odg in Consiglio, sostenuto dal sindaco Beppe Sala, e ha lanciato un appello.

L’ordine del giorno a Palazzo Marino chiede la liberazione degli ostaggi e che sia consentito alla Croce Rossa di visitarli. Poi c’è l’appello, rivolto al Consiglio e tutte le componenti, perché si possano convocare tutti i referenti delle Comunità islamiche milanesi per un lavoro comune in grado di limitare tensioni che rischiano invece di aumentare. Anche Gabriele Nissim, storico e fondatore di Gariwo, il Giardino dei Giusti che ha sede al Monte Stella, insiste sulla necessità di dialogo. Ma l’aria milanese non è delle migliori. Ci sono stati subito dopo il 7 ottobre gli striscioni appesi nelle università e nelle scuole, alcuni addirittura inneggianti a Hamas e tutti contro Israele, vittima di "un atto genocidario", come precisa Nissim, "e non semplicemente di un atto terroristico: trovo grave che in pochi lo abbiano voluto condannare". C’è stato il poco commendevole compromesso al ribasso in Consiglio comunale sull’esposizione della bandiera di Israele, seguito dallo scivolone del sindaco Sala contro Roberto Jarach, presidente del Memoriale della Shoah di Milano, poi riaggiustato. Ma segno di una sinistra che ha un fronte scoperto sul forte anti israeliano. Alla manifestazione pro Palestina di sabato hanno partecipato cinquemila persone, in gran parte palestinesi e musulmani di differenti generazioni, "e le manifestazioni sono sempre legittime, lo dice la Costituzione – spiega Nahum – ma non è legittimo usare parole d’odio, razziste. Alle manifestazioni in difesa di Israele non si sono sentiti incitamenti all’odio". Che cosa si può fare dunque? Milano è una città con una grande tradizione democratica, la comunità ebraica ha un radicamento importante, è ampia quella islamica; è città di editoria, di università, politica: eppure non si sono sentite forti voci in grado di ribadire il diritto di Israele, degli ebrei.

"In Consiglio comunale ho portato un odg che è ovviamente un gesto simbolico, ma ho anche ribadito che occorre condannare le manifestazioni di odio e ho sollecitato il Consiglio a convocare tutti i referenti delle Comunità islamiche. Devo purtroppo constatare che da parte loro non ho sentito una parola di condanna degli slogan d’odio della manifestazione di sabato". Con Emanuele Fiano, altro storico esponente del "sionismo di sinistra", come ha detto alla manifestazione per Israele di Milano, Daniele Nahum porterà una lettera anche al Questore, perché le istituzioni vigilino. Ma a svegliarsi dovrebbe essere la città, dice Gabriele Nissim, che invece appare indifferente o rassegnata a divisioni ideologiche: "Mi preoccupa che, qui o altrove, possa riproporsi un meccanismo di odio, con una radice antisemita. Condivido molto una osservazione di Yuval Noah Harari, che ha detto: voi che siete ‘terzi’, cioè noi che siamo fisicamente lontani dai luoghi del conflitto, che siamo in Europa, dovete lavorare perché ci sia una condanna di quanto avvenuto ma anche perché non venga abbandonata la possibilità di dialogare. Invece mi colpisce che nei nostri Paesi, e anche in una città come Milano, la comunità araba, palestinese, non abbia fatto sentire una voce di condanna del terrorismo genocida di Hamas. Nel mondo israeliano ed ebraico fuori da Israele, dove è chiaro il sostegno al diritto di Israele, invece non mancano le voci di dissenso dalla politica del governo o sulle azioni militari a Gaza. In quello arabo no. Non c’è dibattito né dissenso". Cosa fare? Il fondatore del Giardino dei Giusti lancia un’idea, si vedrà se potrà avere uno sviluppo: "Un incontro al Giardino dei Giusti – che è luogo della memoria di tutti i genocidi, e di tutti i popoli. Una iniziativa che condanni l’odio e riaffermi che si può e deve uscire dalla trappola. Non una manifestazione generica, tantomeno reticente. Ma per proporre gesti e idee di questo tipo occorre il supporto di ‘noi terzi’, appunto. Invece finora da una città come Milano non è emersa nessuna voce in questo senso. Mi pare che si sia lasciato al mondo ebraico di esprimere la sua voce, ma isolata; la comunità islamica ha fatto la sua manifestazione, senza condannare Hamas, e dalla città di ‘noi terzi’ non è uscita una presa di posizione differente".

(Pubblicato su "Il Foglio", 24/10/2023)

24 ottobre 2023

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Grazie per aver dato la tua adesione!

Contenuti correlati