Gariwo
https://it.gariwo.net/magazine/editoriali/vedo-la-russia-ovunque-vada-26496.html
Gariwo Magazine

Vedo la Russia ovunque vada

di Darya Zorka

Darya Zorka è un’artista, scrittrice e traduttrice di documentari per Frontline. Ha anche partecipato alla traduzione del docufilm “20 Days In Mariupol”. Nata in Bielorussia, attualmente vive negli Stati Uniti. Il suo contributo fa parte del dossier recentemente promosso dalla Fondazione Gariwo in relazione al tema della decolonizzazione e del dialogo tra la società civile ucraina e i dissidenti russi. La traduzione è a cura di Michele Negro, Forzaucraina.it. 

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Sono nata in Bielorussia e ho vissuto lì fino ai miei vent’anni, quando sono emigrata negli Stati Uniti. Crescendo in Bielorussia, ho visto la presenza e l’influenza russa ovunque. A partire dalla lingua russa che ha soppiantato il bielorusso in ogni aspetto della vita, per finire con la televisione russa, la cultura pop russa, i libri e i film russi, i prodotti e le merci russe e, naturalmente, i russi stessi, che visitavano spesso la Bielorussia per la sua natura incontaminata, il buon cibo e i prezzi accessibili per le cure mediche e l’intrattenimento. I russi hanno sempre trattato la Bielorussia come il loro cortile, come un’estensione della Russia, dove venivano quando volevano e facevano tutto quello che volevano, mentre la popolazione autoctona li serviva. Non so perché il mondo continui a trascurare il colonialismo russo. Molti accademici occidentali (e non solo) si rifiutano di ammetterne l’esistenza. Gli stessi dicono alle vittime del colonialismo e dell’aggressione russa che sono di parte e che le loro parole sulla Russia non possono essere prese come verità. In realtà, sono proprio questi occidentali ad essere prevenuti, in primo luogo, a favore della Russia. 

Non vivo più in Bielorussia, ma continuo a vedere ricordi della Russia ovunque vada. Mi sembra di non poterla evitare, poiché i suoi tentacoli si diffondono in ogni Paese, in ogni istituzione e in ogni angolo del mondo. La Russia influenza i politici del mondo, gli accademici e gli sport internazionali. La Russia influenza il modo in cui il mondo vede la Russia: come uno Stato potente con armi nucleari, una storia antica e una cultura notevole. Lo fa utilizzando il soft power, la propaganda, la corruzione e le minacce. La Russia mira a far sì che il mondo le creda e che non tenga conto delle voci delle nazioni colonizzate, perché queste voci dicono verità scomode e inopportune. La verità che rovina l’immagine che la Russia ha costruito di sé. Vivendo negli Stati Uniti, mi capita di sentir parlare di Russia dappertutto. È diventato particolarmente doloroso da quando la Russia ha iniziato l’invasione su larga scala dell’Ucraina, e ogni giorno ci sono notizie su un altro crimine russo, un’altra atrocità, un altro bombardamento e un altro omicidio.

Eppure, vedo la Russia ovunque vada, a partire dai luoghi di cultura, fino ai parchi, ai negozi di alimentari e ai caffè. L’arte russa è esposta con orgoglio nei musei e nelle gallerie. Vedo persone che leggono libri di autori russi in metropolitana e nelle biblioteche pubbliche. La Russia è citata nella maggior parte dei film e delle serie americane. Questa primavera sono andata in un giardino botanico famoso per la sua selezione di lillà e, mentre passeggiavo in un bellissimo viale pieno di fiori rosa, viola e bianchi, ho visto un cespuglio chiamato “La bellezza di Mosca”. Un’altra volta io e mio marito decidemmo di andare in una famosa città di mare e di trascorrervi un fine settimana per staccare dalla cronaca e ritrovare un po’ di normalità. Cercando un posto per la colazione, andammo in una caffetteria e tra i dolci appena sfornati c’erano dei biscotti chiamati "biscotti russi da tè". Abbiamo lasciato la caffetteria senza comprare nulla. Recentemente ho visitato un negozio di alimentari nella mia città. Mentre sceglievo un gelato, ne ho visto uno con un nome russo traslitterato in inglese, diceva: "Tutti dovrebbero avere la possibilità di provare un gelato tradizionale russo fatto secondo i più alti standard del governo sovietico". Il gelato è prodotto a Los Angeles, ma diffonde con successo la propaganda russa sugli "alti standard" dell’Unione Sovietica. 

La stessa Unione Sovietica che aveva campi di lavoro come i gulag, dove milioni di persone, tra cui il bisnonno di mio marito, sono morte a causa della malnutrizione, degli abusi e del lavoro insopportabile. La stessa Unione Sovietica che ha commesso il Holodomor in Ucraina, una carestia provocata dall’uomo che ha ucciso circa 7-10 milioni di persone e che è stata finalmente riconosciuta come genocidio dal mondo. La stessa Unione Sovietica in cui la gente stava in fila per ore per avere un solo tozzo di pane. Eppure, nel 2023, negli Stati Uniti, vedo un gelato che racconta di quanto fosse bella la vita in Unione Sovietica e di come la gente lì mangiasse deliziosi cibi biologici prodotti secondo gli standard più elevati. 

Se la Russia rappresenta qualche standard elevato, si tratta dei più alti standard di commettere genocidi, dei più alti standard di oppressione e brutalità, e dei più alti standard di menzogna e propaganda. Ogni volta che scrivo online di questi incontri e dico quanto mi sembri inappropriato, privo di tatto e doloroso in questo momento, mentre la Russia sta effettuando un’invasione su larga scala dell’Ucraina, ricevo sempre risposte del tipo: "Non dovremmo cancellare tutto ciò che è russo!" o "Non smetterò mai di ammirare la cultura russa". Inoltre, "I tuoi post mi hanno solo convinto ad ammirarla di più", oppure "Se vuoi cancellare la cultura russa, cosa ti rende diverso dai russi che hanno fatto lo stesso con la tua cultura?".

Il fatto è che non chiedo di cancellare la cultura russa, né cerco di cancellarla distruggendo le opere russe, gli edifici storici e qualsiasi riferimento ad essa, come fanno i russi con le culture degli altri. Chiedo che si riconoscano le conquiste approvate e rubate e che si passi da un’ammirazione cieca a un approccio critico. Chiedo alle persone di smettere di lodare e promuovere la cultura russa mentre i russi perpetrano un genocidio in tempo reale in Ucraina: uccidendo scrittori, artisti e scienziati ucraini; distruggendo scuole, università e biblioteche; bruciando libri ucraini e saccheggiando musei ucraini; imponendo la lingua russa alle persone nei territori occupati e uccidendo gli ucraini solo perché parlano ucraino. Non è il momento giusto per promuovere la cultura russa, visto che i russi fanno di tutto per cancellare la cultura ucraina, non credete? 

Molti dicono: "Ma ci sono buoni russi che non partecipano alla guerra, quindi dovremmo sostenerli!". E mi chiedo perché l’asticella sia così bassa per i russi. Basta non partecipare al genocidio e riceverete tutto l’amore e il sostegno del mondo. Mentre gli ucraini sono tenuti a rispettare i più alti standard possibili: "Non essere arrabbiato e odioso verso coloro che vogliono uccidere te e i tuoi cari. Questo fa di te una persona cattiva"; "Dovresti perdonare e stringere la mano al tuo nemico"; "Se non ti dispiace per la morte dei russi, stai perdendo la tua umanità"; "Non dovresti chiedere più aiuto, anche se non è abbastanza, sii grato per quello che ti viene dato!"; "Sei così emotiva. Dimostra solo quanto sei di parte e che non possiamo fidarci delle tue parole sulla Russia". Perché i russi non sono tenuti a rispettare gli stessi standard elevati: essere umili; essere empatici; non fare le vittime e non fare in modo che tutto sia incentrato su se stessi; abbassarsi e amplificare la cultura e le voci ucraine che il loro Paese ha costantemente cercato di cancellare negli ultimi 400 anni; non mettersi su tutti i palcoscenici del mondo con gli ucraini, come le competizioni sportive, gli eventi culturali e i festival; non pensare che qualcuno sia in debito con loro solo perché sono persone che non uccidono o che non sostengono le uccisioni. 

I russi vengono elogiati per aver fatto il minimo indispensabile - non uccidere altre persone - mentre gli ucraini sono tenuti a standard impossibili da raggiungere, anche se stanno sopravvivendo a un genocidio e seppelliscono ogni giorno i loro cari. Vedo anche come l’opposizione russa, che si promuove attivamente in Occidente come "buoni russi che sono contro Putin e la guerra", scriva cose assolutamente diverse per il proprio pubblico russo. Sono molto esperti nell’ingannare le persone occidentali per ricevere donazioni da loro. Tuttavia, chiunque capisca il russo può facilmente vedere i loro veri colori. Una delle idee più diffuse dell’opposizione russa è quella di scrivere apertamente al proprio pubblico russofono che i russi non devono nulla agli ucraini. Dicono che se sono russi ma non uccidono nessuno o non sostengono le uccisioni, allora non devono fare nulla per aiutare l’Ucraina. Dovrebbero invece concentrarsi sulla loro vita e non dovrebbero pagare alcun risarcimento futuro perché non hanno fatto nulla di male. Naturalmente, questa retorica è molto popolare. 

I russi pensano di non doversi assumere alcuna responsabilità, ma allo stesso tempo hanno il diritto di ricevere donazioni, aiuti, borse di studio e attenzione dall’Occidente, semplicemente perché non uccidono altre persone. È solo Putin che lo fa. È solo Putin il responsabile. È solo Putin che dovrà pagare i risarcimenti. Milioni di russi che permettono questa guerra, attivamente o passivamente, che non fanno nulla per fermarla o aiutare l’Ucraina in alcun modo, pensano di non dover nulla agli ucraini. E le persone dei Paesi occidentali sostengono, incoraggiano e lodando i russi per aver fatto il minimo indispensabile, rifiutando di riconoscere e condannare il colonialismo russo, ammirando e consumando ciecamente la cultura russa e ignorando le voci degli ucraini come parziali o "odiose". Tuttavia, la verità è che se i russi non devono nulla a nessuno, allora il mondo non deve nulla ai russi. Quando penso a quante persone sono state uccise dai russi in Ucraina nell’ultimo anno, mi ribolle il sangue e allo stesso tempo mi si rizzano i capelli in testa. Solo a Mariupol i russi hanno ucciso dalle quaranta alle cinquantamila persone, probabilmente molte di più. Fermatevi un attimo e rendetevi conto della portata di tutto questo. Non possiamo confermare i numeri esatti perché Mariupol è attualmente occupata, ma possiamo vedere le immagini satellitari delle fosse comuni che ogni giorno diventano sempre più grandi.

Quando ho lavorato alle traduzioni del documentario "20 Days in Mariupol", ho guardato ore e ore di filmati di guerra integrali. Di solito non si vedono filmati del genere nei telegiornali perché sono sempre censurati e modificati per renderli meno spaventosi. Ciò che i russi hanno fatto a Mariupol non può essere perdonato. Tuttavia, nessuno sta chiedendo perdono. I russi stanno visitando Mariupol e si fotografano davanti agli edifici residenziali in rovina. Gli edifici che sono diventati tombe per migliaia di persone quando i russi li hanno bombardati dagli aerei. I russi comprano terreni e appartamenti a Mariupol e vi trasferiscono le loro famiglie perché "È una città sul mare. Ha un buon potenziale e, cosa più importante, non ci sono quasi più ucraini". Non ci sono ucraini perché i russi li hanno uccisi e poi si sono trasferiti nelle loro case come se nulla fosse. La mia mente non riesce nemmeno a comprendere questo livello di crudeltà e di totale fallimento morale

Non so quanto tempo debba passare perché i russi smettano di essere trattati con tale ammirazione e impunità e ricevano automaticamente il beneficio del dubbio. Sembra che, qualunque cosa facciano, qualunque crimine commettano, qualunque sia la loro menzogna, continuino a godere della simpatia, dell’ammirazione e dell’accettazione del mondo civile. Perché in tutti questi anni la Russia ha fatto un ottimo lavoro di promozione, imbiancatura e romanzatura di se stessa, e il mondo ci ha creduto. 

Vedo la Russia ovunque vada. Non voglio più vederla.

Darya Zorka, artista e scrittrice

Analisi di

Traduzione a cura di Michele Negro, Forzaucraina.it

14 settembre 2023

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Grazie per aver dato la tua adesione!

Scopri tra gli Editoriali

carica altri contenuti