Gariwo
QR-code
https://it.gariwo.net/magazine/totalitarismi/ucraina-cio-che-la-sinistra-occidentale-non-vuole-vedere-26367.html
Gariwo Magazine

Ucraina, ciò che la sinistra occidentale non vuole vedere

di Pierre Madelin

Riportiamo l'articolo di Pierre Madelin, saggista franco-cubano attualmente operante in Messico. Il contributo dell'autore è stato precedentemente pubblicato, nel corso del mese di marzo 2023, su Nueva Sociedad, una rivista latinoamericana attiva nel campo delle scienze sociali, dello sviluppo sostenibile e della democrazia politica, economica e sociale. La riflessione di Madelin si inserisce nell'approfondimento sul tema della decolonizzazione e sul dialogo tra Russi e Ucraini recentemente proposto sul sito web della Fondazione Gariwo. Questa versione in italiano è apparsa su refrattario.blogspot.com


Il 24 febbraio 2022, l'esercito russo ha invaso l'Ucraina con una massiccia operazione militare volta a decapitare rapidamente il potere ucraino e a sottomettere il paese
. Questa brutale invasione, rapidamente accompagnata da crimini di guerra e contro l'umanità, ha lasciato il mondo nello sconcerto. "Gli attivisti, normalmente così risoluti nel loro sostegno a tutte le vittime della guerra e del capitalismo, sono improvvisamente diventati estremamente sfumati e 'riflessivi'", ha commentato ironicamente il politico ucraino Denys Gorbach a Lundimatin. In effetti, una parte importante della sinistra, in America Latina, in India, in Italia o in Francia, ha adottato posizioni cosiddette "campiste".

"Che cos'è il campismo?", si chiedono i filosofi Pierre Dardot e Christian Laval. "È una stupidità politica dalle conseguenze più sinistre che consiste nel pensare che esista un solo “nemico”. Definiamolo come un anti-imperialismo unidirezionale. Dall'unicità del Nemico deriva questa conclusione inconfutabile: chi si oppone al Nemico ha diritto, se non alla benedizione, almeno alla giustificazione, in base al principio che i nemici del Nemico sono, se non amici, almeno 'alleati oggettivi' in una lotta giusta". (El fracaso de un «antimperialismo unidireccional»).

Un campismo decoloniale

Tuttavia, c'è un punto che forse non è stato sufficientemente sottolineato: il campismo di sinistra non si è limitato alle correnti politiche sovraniste o a quelle derivanti da un marxismo obsoleto incentrato unicamente sul potere del capitalismo anglosassone, ma si è espresso anche nei media e nei pensatori associati alla cosiddetta sinistra "decoloniale".

Nel mondo anglosassone, lo storico Sandew Hira, coordinatore dell'International Decolonial Network, il 26 febbraio ha presentato la Russia come una vittima dell'Occidente e ha persino paragonato la demonizzazione di Vladimir Putin nei media occidentali alla demonizzazione delle popolazioni indigene delle Americhe da parte dei teologi nei primi tempi della colonizzazione.

In ambito accademico, anche diverse figure di spicco degli studi decoloniali, alcuni dei più influenti studiosi dell'America Latina, come il portoghese Boaventura de Sousa Santos e due membri emblematici del gruppo Modernità/Colonialità, il portoricano Ramón Grosfoguel e l'argentino Walter Mignolo, sono stati attivi divulgatori dei luoghi comuni della propaganda russa.

Sousa Santos, in un articolo pubblicato il 10 marzo 2022, fa riferimento alla strategia di "provocare la Russia e neutralizzare l'Europa" attuata dagli Stati Uniti: "La Russia è stata provocata ad espandersi e poi criticata per averlo fatto". Questa tesi è stata ribadita, il 23 dicembre 2022, in un'intervista in cui ha affermato che in Ucraina c'è "una guerra tra Stati Uniti e Russia".

Grosfoguel, da parte sua, in un'intervista dell'8 marzo 2022, è stato ancora più radicale, parlando di una "guerra fabbricata dall'imperialismo americano" e dichiarando che gli Stati Uniti, con l'aiuto di "milizie naziste", hanno realizzato un "colpo di stato internazionale per riprendere il controllo politico, economico e militare dell'Europa".

Un mese dopo, quando l'Ucraina è stata bombardata e le prime immagini del massacro di Bucha hanno raggiunto gli occhi del mondo, ha nuovamente evocato, fingendo di lottare contro la censura dello stato profondo e dei media mainstream, "una guerra fabbricata negli Stati Uniti, che ha incoraggiato i neonazisti in Ucraina che stavano compiendo un genocidio contro la popolazione russofona dell'Ucraina (...), il burattino Zelensky (. ...) e un colpo di stato internazionale portato avanti dagli Stati Uniti soprattutto contro la Cina e gli europei, (...) che ora diventa una neocolonia gringa".

Mignolo, infine, pur non avendo parlato pubblicamente (che io sappia) di invadere l'Ucraina nel 2022, ha celebrato sul suo blog (la pagina non esiste più) l'annessione della Crimea nel 2014. E in un articolo pubblicato nel 2017 ha celebrato, paragonandolo a un processo di decolonizzazione, "l'emergere di diversi progetti di de-occidentalizzazione, tra cui: la rinascita politica della Cina; la ripresa della Russia dall'umiliazione della fine dell'Unione Sovietica, che le ha permesso di opporsi all'occidentalizzazione dell'Ucraina e della Siria; la cooperazione dell'Iran con la Cina e la Russia".

Devo dire che mi ha sorpreso scoprire questi interventi, che riproducevano il discorso del Cremlino nei suoi aspetti più deliranti, perché mi sembrava ovvio che la guerra di annessione condotta dalla Russia, ex potenza imperiale e coloniale, avrebbe dovuto indirizzare la solidarietà di questi autori verso l'Ucraina.

La logica dell'anticolonialismo o dell'antimperialismo impone che i paesi o i popoli che ne soffrono siano solidali con quelli che soffrono altrove, anche se sotto il dominio di una potenza rivale.

Naturalmente, questo non significa che tutti gli autori associati agli studi decoloniali abbiano posizioni simili, né che si rifiutino tutte le idee associate a questa corrente.

Richiamare l'attenzione, come fanno i decolonialisti, sui persistenti effetti asimmetrici delle diverse ondate di colonizzazione europea e di schiavitù sia sulle società che sugli ecosistemi in loco, e sottolineare la doppia "divisione" coloniale e razziale al centro della modernità capitalista, al di là della semplice divisione della società in classi, non è solo legittimo ma necessario.

Per molti aspetti sembra pertinente, in diversi contesti storici e geografici, stabilire un'equivalenza tra le coppie "dominante/dominato" e "centro/periferia", da un lato, e le coppie "nord globale/sud globale", "ovest/resto del mondo" o "bianco/non bianco (razzializzato)", dall'altro.

Come spiegare allora la reazione dei pensatori decoloniali che ho citato alla guerra in Ucraina?

In un certo senso, le posizioni antiamericane di questi pensatori, due dei quali sono latinoamericani, si spiegano con la responsabilità degli Stati Uniti per la violenza di cui è stato vittima il loro continente nel XX secolo, che li porta spontaneamente a vedere ovunque la "mano" della potenza che ha sostenuto tante dittature, a volte con interventi militari, nei loro paesi.

Ma credo che questa reazione si spieghi anche con l'essenzialismo delle loro stesse elaborazioni del pensiero decoloniale: la tendenza a presentare l'Occidente moderno, così come si è affermato dal 1492 e dalla conquista delle Americhe fino ad oggi, quello che Grosfoguel chiama "il moderno sistema-mondo euro/nordamericano/coloniale capitalista/patriarcale", come un blocco immutato e quasi immutabile.

Così, sotto la bandiera dell'"episteme" moderno-coloniale, si raggruppano "il capitalismo e il comunismo, la teoria politica illuminista (del liberalismo e del repubblicanesimo: Locke, Montesquieu) e l'economia politica (Smith), nonché il loro avversario, il socialismo-comunismo" (come teorizzato da Mignolo).

Quanto alle tensioni e alle contraddizioni interne alla storia dell'Europa e delle sue idee, esse vengono semplicemente cancellate, come sottolinea giustamente Daniel Inclan. Inclan sottolinea che in queste riflessioni non c'è posto per una "dialettica dell'Europa nei processi di colonizzazione, poiché viene presentata come un'unità, come una sostanza maligna che si espande in tutto il mondo".

Occidentocentrismo rovesciato

In questo quadro, l'analisi delle situazioni concrete sembra cedere il passo a una metafisica della storia in cui un iper-soggetto onnipotente detiene il quasi-monopolio del male nel mondo, ma questa visione è ovviamente inoperante per cogliere la specificità della guerra in Ucraina.

Certo, alcuni elementi di questa guerra e dei suoi effetti hanno dato ragione a questi autori.

Ad esempio, è chiaro che il trattamento privilegiato dei rifugiati ucraini, non solo rispetto ai rifugiati siriani, afghani e sudanesi che li hanno preceduti, ma anche rispetto agli studenti africani e dello Sri Lanka che vivevano in Ucraina e sono stati respinti quando hanno raggiunto il confine polacco, deriva in parte da una questione di privilegio razziale.

Lo stesso si può dire di alcuni commenti sul fatto che gli ucraini in fuga dal loro paese siano descritti come "immigrati culturalmente europei" e di "alta qualità", o sul fatto che la causa ucraina abbia beneficiato di visibilità mediatica e di un significativo sostegno diplomatico, economico e militare da parte delle potenze occidentali, sintomo di un'indignazione gerarchica in termini di rispetto del diritto internazionale.

Ma la legittima critica a questi due pesi e due misure non può di per sé spiegare, e tanto meno giustificare, la mancanza di sostegno alla mobilitazione di massa della società ucraina di fronte all'aggressione russa.

Questa mancanza di solidarietà deve essere compresa anche alla luce dei limiti insiti nel pensiero di questi stessi autori. Opponendo "la pelle e la collocazione geo-storica dei migranti del Terzo Mondo alla pelle dei 'nativi europei' del Primo Mondo" (Mignolo), affermando che "l'epistemologia ha un colore" (Grosfoguel) e che "il sistema-mondo si riferisce a un'articolazione spaziale del potere" (Mignolo) in cui il fondamentalismo eurocentrico e la sua estensione nordamericana occupano un posto centrale che nulla sembra in grado di mettere in discussione, danno l'impressione di postulare un'equivalenza quasi ontologica tra le coppie "dominante/dominato" e "centro/periferia" e le coppie "Occidente/Sud globale" e "bianco/non bianco".

Se questa tesi è per molti aspetti storicamente rilevante (e rimane valida anche oggi in molti contesti socio-politici), diventa estremamente problematica quando assume la forma di una tesi essenzializzante e totalizzante. In questo caso, diventa incapace di cogliere la storicità specifica di molti dei principali eventi del nostro tempo, che non fanno necessariamente parte della continuità della storia coloniale e imperiale europea.

Il semplicismo storiografico, il manicheismo permanente, l'essenzialismo di una visione culturalista e il provincialismo latinoamericano sono dunque tra i motivi delle sue reazioni, a cui si aggiunge "un'apparente critica dell'eurocentrismo che in realtà nasconde un occidentalismo di ferro", come hanno ben dimostrato Pierre Gaussens e Gaya Makaran.

Il paradosso è che il pensiero di questi autori, la cui prima e perfettamente legittima vocazione è stata quella di criticare l'"eurocentrismo", è spesso profondamente eurocentrico e occidentalocentrico quando si propone di comprendere il presente.

L'antica celebrazione dell'Occidente e della sua "missione civilizzatrice" è stata ribaltata per far posto all'incessante denuncia dei suoi mali, senza che la sua centralità, anche quando non corrisponde più pienamente alle evoluzioni del mondo contemporaneo, sia mai stata veramente confutata.

Questo occidentalismo rovesciato si ritrova persino nella cultura storica di Grosfoguel e Mignolo. Se la lunga storia degli interventi americani nel mondo è a loro ben nota e costantemente ricordata, una strana amnesia sembra circondare l'altrettanto lunga storia degli interventi sovietici in molte delle sue periferie, per non parlare degli enormi crimini perpetrati in Ucraina, come l'Holodomor o la deportazione dei tartari di Crimea.

Questa mancanza di conoscenza non permette loro di accogliere la diversità delle storie coloniali e delle loro eredità. In questo senso, un decolonialismo policentrico potrebbe essere una prospettiva fruttuosa.

Naturalmente, a differenza degli imperi coloniali spagnolo, britannico o francese, che si sono sviluppati principalmente in territori "lontani", il colonialismo russo è stato un colonialismo di "prossimità".

Questo è probabilmente il motivo per cui è meno percepibile a prima vista, dal momento che i territori integrati nell'impero zarista e poi sovietico, dal XVII secolo fino alla fine della Seconda guerra mondiale, sono stati conquistati in strati successivi, alla periferia immediata del nucleo territoriale iniziale.

E sebbene alcuni di questi territori siano stati emancipati dal controllo sovietico dopo la caduta dell'Unione, le conseguenze di questa lunga storia coloniale sono ancora vive, soprattutto nel Caucaso e in Asia centrale.

Inoltre, nei primi mesi della guerra ucraina, sono state le minoranze etniche della Federazione Russa, in particolare i Buriati e gli Yak, a pagare il prezzo più alto sul campo di battaglia ucraino, mentre le classi medie bianche di Mosca e San Pietroburgo ne sono uscite relativamente indenni.

Una confluenza pericolosa

Ma se si trattasse solo di una mancanza di complessità nell'analisi, le cose non sarebbero così gravi. Il problema è che questo riduzionismo porta a una preoccupante cecità nei confronti della natura e della diversità delle minacce che affrontiamo oggi, quando non porta alla compiacenza o alla complicità attiva con i regimi autoritari.

In questo senso, sembra giunto il momento di ammettere che non viviamo più in un sistema-mondo monocentrico, se mai fosse esistito, in cui il solo "Occidente bianco", attraversato solo da rivalità interne alla sua presunta dinamica ed essenza, occuperebbe la posizione egemonica, ma in un sistema-mondo policentrico, in cui la violenza autoritaria, nazionalista e razzista può apparire ovunque senza essere provocata, in ultima analisi, dall'"Occidente".

È chiaro che le potenze occidentali continuano a godere di molti privilegi e a beneficiare di scambi economici ed ecologici imperialistici e diseguali. Certo, l'etno-nazionalismo e il suprematismo bianco hanno guadagnato nuovo terreno negli Stati Uniti o in Europa, dove dilaga l'ansia per la "Grande Sostituzione".

Ma c'è anche la minaccia del nazionalismo russo, la cui violenza sfrenata si può misurare oggi in Ucraina (e ieri in Cecenia e in Siria), dell'etno-nazionalismo e del suprematismo indù nell'India di Narendra Modi, già letale per i musulmani vittime di pogrom o per le popolazioni indigene, e dell'etno-nazionalismo e del suprematismo han in Cina, che opprime popolazioni come gli uiguri.

Tuttavia, il pensiero degli autori decoloniali che denunciano un feticcio chiamato "Occidente", accusato di essere la fonte di tutti i mali del mondo, assimilando senza sfumature l'impegno per "i diritti umani (...), le concezioni imperiali globali e la gerarchia etno-razziale globale tra europei e non europei" (Grosfoguel), risuona purtroppo con l'ideologia e la propaganda di questi regimi politici che tendono a presentare la loro crociata contro un Occidente "decadente" come un processo di decolonizzazione dell'ordine mondiale.

La "doppiezza" della Russia

Così Putin, nel suo discorso del 27 ottobre 2022, ha elencato la lunga lista di malefatte commesse dall'"Occidente" nel corso della sua storia: la tratta degli schiavi, lo sterminio dei nativi americani, lo sfruttamento delle risorse in Africa e in India, le guerre coloniali, i bombardamenti alleati sulle città tedesche, la distruzione di Hiroshima e Nagasaki, le guerre di Corea e del Vietnam, ecc.

La Russia "non accetterà mai il diktat dell'Occidente aggressivo e neocoloniale" e i piani degli europei, dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO), dei paesi anglosassoni e degli Stati Uniti per imporre al mondo "totalitarismo, dispotismo e apartheid", "nazionalismo e razzismo". Infine, ha concluso, "non vogliono che siamo liberi, vogliono che siamo una colonia".

"Il nostro paese non ha macchiato la sua reputazione con i sanguinosi crimini del colonialismo e ha sempre sostenuto sinceramente gli africani nella loro lotta per liberarsi dal giogo coloniale", ha aggiunto Sergei Lavrov, ministro degli Esteri, durante una visita diplomatica in Africa.

Recep Tayyip Erdoğan, l'autoritario presidente turco, è autore di un libro "in cui la visione di un mondo ingiusto e binario brilla in ogni pagina: da una parte l'Occidente, i paesi colonizzatori e imperialisti, accecati dai loro privilegi; dall'altra i musulmani oppressi".

In India, i filosofi Shaj Mohan e Divya Dwivedi hanno dimostrato che esiste una convergenza tra alcune teorie postcoloniali e l'ultranazionalismo indù, uniti nella stessa denuncia del carattere "eurocentrico" dei diritti umani e delle rivendicazioni femministe.

E, naturalmente, in Cina, lo stesso accade con Xi Jinping e il Partito Comunista Cinese, per i quali l'Occidente e i suoi "valori" sono ora il bersaglio preferito.

Per quanto riguarda più precisamente la propaganda del Cremlino, si deve constatare che essa gioca effettivamente su due livelli.

Per compiacere la destra e l'estrema destra, che condividono con Putin il desiderio comune di liquidare l'eredità della modernità politica nei suoi aspetti emancipatori e democratici, per far posto a un mondo in cui tutte le forme di dominio saranno libere di esprimersi senza alcun contrappeso e in cui ogni opposizione sarà schiacciata da un regime di terrore, difende la tradizione e l'autorità, sottolineando il decadimento morale dell'Occidente sotto l'effetto combinato degli "invasori" migranti dal Sud e della perdita di virilità indotta dal femminismo e dai movimenti LGBTI+.

Ma per sedurre molti paesi del Sud e alcune frange della sinistra, si presenta come una potenza antimperialista e anticolonialista, capace di offrire un contrappeso all'egemonia statunitense. Questo è ovviamente grossolano se si conosce la lunga e ancora incompiuta storia del colonialismo russo di cui si è parlato sopra, ma fino a un certo punto funziona.

Il mito del multipolarismo

Accusando la NATO di essere responsabile della guerra e opponendosi alle forniture di armi in nome di un pacifismo falsamente virtuoso, alcuni settori della sinistra sembrano convinti che un po' di "equilibrio di potenza" e di "multipolarità" non sarebbe male.

Così, per ingenuità o perché intrappolate in bolle ideologiche, queste sinistre contribuiscono inconsapevolmente all'attuale brutalizzazione del capitalismo e all'avvento del mondo sognato dall'estrema destra e da tutte le forze illiberali.

Ovviamente, l'ideale di un mondo multipolare può essere auspicabile, ma nel contesto attuale è evidente che non porterebbe - purtroppo - a una maggiore autonomia, libertà e giustizia per i popoli del mondo, tanto meno a una riduzione della pressione estrattiva e produttiva sempre più infernale sulla Terra.

Al contrario, sarebbe un mondo in cui i blocchi geopolitici più potenti si riconoscerebbero il diritto di conservare o ristabilire al proprio interno gli ordini sociali più brutali e diseguali, se necessario perpetrando ogni sorta di crimini efferati senza censura, godendo di una sfera di influenza sottomessa alla propria periferia e incontrastata dagli altri blocchi.

Insomma, un mondo in cui ogni potenza potrebbe compiere i suoi "piccoli massacri" a piacimento e in cui tutta la fragile architettura normativa delle relazioni internazionali costruita nel corso di decenni, basata, nonostante le sue immense imperfezioni e ipocrisie, su un riferimento di principio al rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, verrebbe liquidata.

In un testo notevole, "Il multipolarismo, dove la sinistra incontra la destra", la femminista indiana Kavita Krishnan ha messo chiaramente in evidenza la convergenza oggettiva tra certe critiche di sinistra all'"Occidente" e l'ideologia dei regimi nazionalisti e autoritari che cercano di screditare ogni riferimento all'universalismo, alla democrazia e ai diritti umani in virtù della loro presunta "essenza" occidentale, e quindi coloniale, coprendo così la loro volontà di distruggere la democrazia con il pretesto della lotta all'imperialismo.

Decolonialismo policentrico

Cosa possiamo concludere da questa confluenza tra le posizioni di alcuni rappresentanti di una delle correnti più importanti della sinistra radicale contemporanea, spontaneamente associata al campo dell'emancipazione, e la retorica di alcuni dei peggiori regimi politici del nostro tempo? Innanzitutto, diciamo che suona come un monito: è meglio non cedere a nessuna teoria essenzialista dei rapporti di dominio politico e adottare approcci circoscritti e storicizzati; una storicizzazione che, a sua volta, potrebbe condurci al decolonialismo policentrico.

Quest'ultimo ci aiuterebbe a comprendere, al di là del rapporto tra l'Europa occidentale e le sue ex colonie, la situazione specifica degli spazi post-sovietici, come hanno fatto i ricercatori ucraini Adrian Ivakhiv e Hanna Perekhoda.

È interessante notare che, da tempo impegnati nella lotta contro il capitalismo e lo stato messicano, gli zapatisti non si sono arresi al campismo e, il 13 marzo 2022, hanno marciato per le città del Chiapas a sostegno della resistenza ucraina e al grido di "Fuori Putin!". Rinunciando agli approcci culturalisti al dominio, sarebbe anche possibile concentrarsi sull'analisi delle differenze politiche tra gli stati che si confrontano oggi sulla scena internazionale, sfuggendo così al relativismo di tutti coloro che sembrano convinti che "nella notte del tardo capitalismo, tutti i regimi sono grigi".

Certo, non dobbiamo cedere alla retorica del "mondo libero", brandita dalle élite neoliberali che si presentano, non senza molta ipocrisia, come difensori di "valori" che non cessano di violare, abbandonando i migranti nel Mediterraneo e talvolta interi popoli, come in Siria, al loro programmato annientamento.

Tuttavia, è importante riconoscere che la guerra di liberazione nazionale ucraina è anche un confronto tra una dittatura criminale, il cui unico futuro è la moltiplicazione delle rovine e delle fosse comuni, e un regime in cui l'arbitrarietà del capitalismo e dello stato è contrastata da istituzioni e contropoteri (sociali, mediatici, intellettuali) che garantiscono un minimo di vita democratica e di stato di diritto, in modo che i progressi emancipatori siano possibili e il futuro sia aperto alla contestazione.

Lo storico Taras Bilous, nato a Lugansk, a cui lascio l'ultima parola, fa notare a questo proposito che, se fosse stato un iracheno, nel 2003 avrebbe condannato l'aggressione degli USA, ma non avrebbe rischiato di difendere il regime di Saddam Hussein. Tuttavia, da ucraino, nel 2023, si è arruolato senza esitazione nelle forze di difesa territoriale per difendere "la fragile democrazia ucraina che, lungi dall'essere perfetta, merita di essere protetta dal regime para-fascista di Putin".

21 giugno 2023

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Grazie per aver dato la tua adesione!