Un grande grazie da Gariwo per il vostro contributo alla Giornata dei Giusti

di Helena Savoldelli, 19 marzo 2019

Giornata dei Giusti

Al secondo anno dall’approvazione della Giornata dei Giusti dell’umanità come solennità civile in Italia e a sette anni dall’istituzione della Giornata europea dei Giusti, migliaia di persone hanno voluto celebrare questa ricorrenza, che ormai sembra essersi fatta spazio nel cuore di molti. Sono nati nuovi Giardini, nuovi temi e nuovi modi di festeggiare i Giusti che hanno superato ogni aspettativa per creatività e ricchezza di significato, per una giornata di ricordo ma anche e soprattutto di condivisione e costruzione di comportamenti responsabili per il futuro.

Tantissime scuole hanno messo in pausa le normali attività didattiche per realizzare mostre, video, esposizioni fotografiche, testi, laboratori e spettacoli sui Giusti, qualcuno a Verona ha persino organizzato un finale di bolle di sapone o un momento di meditazione nel Bosco dei Giusti. La Giornata dei Giusti si è trasformata nella settimana, nel mese dei Giusti o anche in un progetto annuale guidato dal messaggio comune del Bene. È stato un grande successo per Gariwo ma anche per GariwoNetwork, la rete che connette tutti i soggetti impegnati nella diffusione del messaggio dei Giusti, dai docenti alle associazioni, ai referenti dei Giardini dei Giusti in ogni parte del mondo.

Ricordiamo l'iniziativa di Pescara, dove quattro scuole del progetto di alternanza scuola/lavoro Conversazioni a Pescara si sono incontrate per celebrare Ada Rossi e Nelson Mandela insieme anche al presidente del Pescara calcio, Daniele Sebastiani, che ha espresso l’intento di “tifare tutti per il Bene, portando anche all’interno degli stadi un messaggio di pace e di fratellanza”. Un messaggio che - grazie alla collaborazione fra Gariwo, il presidente della FIGC Gabriele Gravina e il direttore editoriale di Carsa Edizioni Oscar Buonamano - è arrivato in tutti gli stadi prima delle partite di Serie A. A Vercelli sono stati ricordati gli insegnanti Giusti della Shoah e una piccola pietra d’inciampo ci parla del bambino del Mali morto nel Mediterraneo con la sua pagella cucita nella giacca. A Brescia è nata una collaborazione in nome dei Giusti che ha unito i Giardini di Orzinuovi, Barbariga e Brescia, coinvolgendo giornalisti, storici, docenti, filosofi e autorità cittadine. A Opera, la Mostra Seminario Speranze, realizzata dagli studenti, ha celebrato le donne e gli uomini che con la loro azione si battono per la salvezza del pianeta e ha ospitato il documentario di Anne De Carbuccia One Ocean. A Torre de’ Passeri una mattonella del Parco dei Giusti è stata dedicata a Jan Palach, nel cinquantesimo anniversario della sua morte. A Calvisano, è emerso il tema dei Giusti per l’ambiente, che tocca sempre di più le nostre vite. Il dialogo tra Milano e Roma continua come esperienza pilota dei Giardini dei Giusti in Italia, riscoprendo e celebrando i valori dell’Europa. A Roma in particolare sono stati dedicati cinque nuovi alberi a Bronislaw Geremek, Ursula Hirshmann, Alexander Langer, Antonio Megalizzi e Karen Jeppe.

Nuovi Giardini dei Giusti sono nati o stanno per nascere a L’Aquila, Opera, Noceto, Pioltello, Premolo, Prato, Castelbuono, Isnello, Taranto, Trani, Barbariga, Pozzallo, San Benedetto Val di Sambro, Monte San Martino, Lamezia Terme, Casalnuovo, Tora e Piccilli, Desio, Torino, Corigliano, Monteviale, San Raffaele Cimena, Bollate, Gremiasco.

Nuovi Giusti sono stati o saranno onorati a Calvisano, Solaro, San Donato, Brescia, Orzinuovi, Copertino, Roma, Carnate, Civita Castellana, Bussi sul Tirino, Benevento, Fiumicino Maccarese, Carpi, Pescara, Parma, Salerno, Trevi, Bergamo, Perugia, Vercelli, Torre de’ Passeri, Vibo Valencia, Campobasso, Campagna, in Giordania, a Varsavia e a Neve Shalom Wahat al Salam in Israele.

Come in Italia anche all’estero la Giornata dei Giusti non è passata inosservata. A Varsavia ai nuovi Giusti è stata dedicata un’iniziativa al Polin, il Museo della storia degli ebrei polacchi. Il 6 marzo nell’Oasi di Pace di Neve Shalom Wahat al Salam, dei giovanissimi musicisti hanno accompagnato la Giornata dei Giusti che dal 2015 ha raggiunto il villaggio israeliano dove convivono pacificamente arabi palestinesi ed ebrei israeliani. È diventato ormai un appuntamento fisso anche quello nell’Houses of Parliament di Londra, organizzato con l'Ambasciata della Repubblica di Polonia a Londra e l'associazione Learning from the Righteous. Nella bellissima cornice dello Sharhabil Bin Hassneh Eco Park in Giordania, dove nel 2017 è sorto il Giardino del Bene, saranno infine onorati i Giusti dell'accoglienza Vito Fiorino e Jehad Mattar.


La Giornata dei Giusti ha visto la partecipazione e l’appoggio di moltissime persone e realtà diverse che hanno voluto far sentire la loro voce in questa grande sfida per un futuro più giusto. Tantissimi sono i messaggi che ci sono arrivati, un grande grazie da parte di Gariwo va a tutti coloro che con impegno e passione fanno vivere il messaggio dei Giusti “maestri di umanità”, come abbiamo letto su un cartello colorato al Giardino dei Giusti di tutto il mondo di Milano qualche giorno fa.


Grazie a tutti voi!

Commenti

Accedi per commentare

Come utente non registrato, puoi solamente visualizzare i contenuti.
Accedi per poter inserire i tuoi contributi o per commentare quelli pubblicati da altri.

Hai dimenticato la password?

Vuoi entrare in GariwoNetwork?

Per inserire testi, materiali o percorsi didattici, iscriviti al Network!
Mandaci una mail: sottoscrivi la Carta delle responsabilità 2017 e raccontaci la tua attività!

L'autore/L'autrice

Helena Savoldelli

Helena Savoldelli
Redazione Gariwo
Vai al profilo