English version | Cerca nel sito:

Persecuzioni

Algeri, 1957. Maurice Audin, ucciso perchè contrario alla guerra

Giovedì 13 settembre 2018 il Presidente francese Macron ha ammesso responsabilità francesi nelle torture commesse dall'esercito durante la Guerra d'Algeria. Si è scusato con la vedova di Maurice Audin, giovane docente contrario al conflitto ucciso dai militari ad Algeri nel 1957.


Stato di Israele vs. popolo ebraico

La giornalista di Haaretz Eva Illouz ha ripercorso, in un articolo del 19 settembre 2018, la storia dei controversi legami tra Israele, l'Ungheria di Orbán, la Polonia di Morawiecki, l'America di Trump e la Russia di Putin, ipotizzando alcuni scenari futuri che riguardano le comunità ebraiche del mondo, le democrazie occidentali, e l'Unione Europea. Proponiamo la traduzione delle sue riflessioni.


Difendere l'ambiente, mai così pericoloso

AT WHAT COST? (a quale prezzo?) è il titolo del sesto report annuale di Global Witness sui Defenders of the Earth: uomini, donne, comunità e organizzazioni che hanno difeso i diritti umani, la loro terra e l’ambiente e, per questo, sono stati assassinati. Un elenco di 207 nomi per il 2017, il peggior record mai raggiunto.


L'istruzione negata e il drammatico destino dei bambini che non vanno a scuola

L'istruzione è un diritto fondamentale che deve essere garantito a tutti i bambini, ma la realtà dimostra il contrario. MOAS si è unita a un appello UNICEF per dare maggior supporto ai bambini Rohingya, poichè "l'istruzione dei bambini è preziosa per la loro stessa comunità". Di Regina Catrambone


Strasburgo contro Orban

Strasburgo ha approvato le sanzioni contro l’Ungheria di Viktor Orbán. L'assemblea ha sottoscritto la risoluzione dell'europarlamentare Judith Sargentini, chiedendo di aprire la procedura prevista dall'articolo 7 del Trattato in caso di violazione dei diritti fondamentali. "L'Europa - ha dichiarato Jean-Claude Juncker - deve restare un continente di apertura e tolleranza". 


"Il populismo? Sfida, ma anche opportunità"

Il neoliberismo ha creato rimostranze dettate da motivi seri, sfruttate dalla destra radicale. La sinistra, sostiene la prof. Chantal Mouffe dell'Università di Westminster, deve trovare un nuovo modo di articolarle. Pubblichiamo tradotte le sue riflessioni apparse sul Guardian del 10 settembre 2018.


Persecuzioni, torture, massacri

la violazione dei diritti umani

L'articolo 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, adottata a Parigi dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948, recita:
"Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza".
Il giorno precedente la stessa Assemblea Generale aveva approvato a New York la Convenzione sulla prevenzione e la condanna del crimine di genocidio, definito come l'intenzionale distruzione, in tutto o in parte, "di un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso", con la nota esclusione dei gruppi politici per l'opposizione dei Paesi del blocco sovietico, che temevano di essere coinvolti nelle accuse per le persecuzioni degli avversari (i cosiddetti nemici del popolo condannati ai lavori forzati nei gulag).

leggi tutto

 

Il libro

Nostra Signora del Nilo

Scholastique Mukasonga

Multimedia

Shooting Dogs

di Michael Caton Jones

La storia

Anna Achmatova

la poetessa del dissenso