English version | Cerca nel sito:

Persecuzioni

Il Ruanda rimprovera la Francia per aver consentito il genocidio del 1994

Un rapporto commissionato dal governo ruandese, pubblicato lunedì, afferma che la Francia "ha reso possibile" il genocidio tutsi. Il documento arriva a meno di un mese dalla pubblicazione di un analogo resoconto richiesto dal governo francese, in un momento delicato per i rapporti tra Francia e Ruanda.


La proposta: Ia partita Italia-Turchia sia arbitrata da una donna

Gariwo lancia un appello alle donne e agli uomini dello sport, agli sportivi, ai cittadini perché possano chiedere all’UEFA che la partita inaugurale degli Europei venga arbitrata da un team di arbitri donna. La partita, di fatti, si svolgerà solo poche settimane dopo il decreto governativo del 20 marzo che ha sancito il ritiro della Turchia dalla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica nota anche come Convenzione di Istanbul. Il 12 marzo 2012 la Turchia era stata il primo Paese a ratificare la Convenzione.


Perché Israele si rifiuta di riconoscere il genocidio armeno?

In un editoriale pubblicato ieri sul quotidiano israeliano Haaretz, lo storico Eldad Ben Aharon, che insegna studi israeliani e relazioni internazionali all’università di Leiden, ha parlato dei motivi per cui, contrariamente ad altri paesi, Israele si rifiuta di riconoscere il genocidio degli armeni cristiani, accaduto tra il 1915 e il 1916 nell’allora territorio ottomano.


L'attivista ungherese Sebo Gábor riceve il premio Mária Ember 2021

L'attivista ungherese Sebő Gábor vince il premio Mária Ember 2021, ha annunciato sabato un comunicato stampa dell'Associazione Raoul Wallenberg, promotrice del premio. Un'onorificenza che viene assegnata ogni anno a coloro che combattono il razzismo, lottano per i diritti umani e contribuiscono alla conoscenza della Shoah come parte della Storia e della cultura dell'Ungheria.


Polonia, il tribunale blocca la vendita di Polska Press a un gruppo statale

Il tribunale ha sospeso l'acquisizione del gruppo Polska Press da parte del colosso statale dell'energia PKN Orlen, accogliendo la richiesta del Difensore civico e bloccando il piano del partito di governo PiS per accrescere il controllo statale sui media indipendenti.


Da Vichy al Ruanda, la Francia avvia una presa di coscienza

Nei giorni scorsi, in occasione del 27 anniversario del genocidio ruandese, si è tornati a parlare molto di quei terribili cento giorni e di come si verificò una delle più atroci e violente pulizie etniche della Storia. In particolare, si è parlato del rapporto di 1225 pagine La France, le Rwanda et le génocide des Tutsi (1990-1994), rilasciato in Francia il 26 marzo 2021, e voluto dallo stesso Emmanuel Macron, che analizza le responsabilità del Paese nel non aver compreso il pericolo della politica che permise il genocidio.


Persecuzioni, torture, massacri

la violazione dei diritti umani

L'articolo 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, adottata a Parigi dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948, recita:
"Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza".
Il giorno precedente la stessa Assemblea Generale aveva approvato a New York la Convenzione sulla prevenzione e la condanna del crimine di genocidio, definito come l'intenzionale distruzione, in tutto o in parte, "di un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso", con la nota esclusione dei gruppi politici per l'opposizione dei Paesi del blocco sovietico, che temevano di essere coinvolti nelle accuse per le persecuzioni degli avversari (i cosiddetti nemici del popolo condannati ai lavori forzati nei gulag).

leggi tutto

 

Multimedia

Giornata mondiale dei diritti umani

Che cosa sono i diritti umani?

La storia

Don Enrico Sciaccaluga

direttore del Piccolo Cottolengo di Genova, nascose e protesse ricercati dai nazifascisti, tra cui alcuni cittadini ebrei