English version | Cerca nel sito:

Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Armeni e azeri

Il 28 febbraio si è svolta la commemorazione del pogrom di Sumgait, una strage di armeni che nel 1988 segnò l'inizio del conflitto del Nagorno-Karabakh tra Armenia e Azerbaigian. Mentre da più parti si teme una ripresa della guerra, il Console onorario della Repubblica d'Armenia in Italia Pietro Kuciukian interviene per sottolineare l'importanza della pace tra i due popoli.


Che cosa succede in Medio Oriente?

Rivoluzioni e riforme, in quello che potrebbe essere un nuovo 1989. La lotta per la democrazia e le sue difficoltà ad affermarsi. Il Maghreb tra pericolo iraniano e modello turco. I diritti delle donne. Tutti gli uomini di Gheddafi e la denuncia dell'Ambasciatore libico all'ONU. Solo pane o anche libertà?
All'interno ripercorriamo i fatti con un video e presentiamo gli articoli dei principali giornali italiani e stranieri.


Echi di 1989 nelle rivolte arabe

Vaclav Havel, ex leader della Rivoluzione di Velluto, in un'intervista ad Associated Press citata oggi da Gad Lerner su La Repubblica ha commentato la sollevazione in Medioriente e Nordafrica rievocando la caduta del Muro di Berlino. "Il tempo è un fattore essenziale", ha dichiarato Havel paventando la possibilità che si affermino "regimi peggiori di quello di Mubarak".


Le proteste in Medio Oriente su Twitter

Il Guardian presenta una cartina in cui è possibile seguire gli ultimi Tweet sulle rivoluzioni del mondo arabo.


Ali Yahia Abdennour, una vita di lotte

Ali Yahia Abdennour ha 90 anni, è avvocato e ha speso la sua vita per opporsi alle ingiustizie riuscendo anche a raccogliere una vasta opposizione contro il presidente Bouteflika.


Parsi: "Queste sono le rivolte dei giovani"

Il docente di Relazioni internazionali Vittorio Emanuele Parsi riflette sull'Egitto e sulle rivolte che agitano il Medio Oriente.


Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Canzone per Nasrin Soutoudeh

dissidente iraniana in carcere a Evin

La storia

Raphael Lemkin

il grande giurista che ha formulato la definizione di genocidio e l'ha imposta al mondo