English version | Cerca nel sito:

Diritti umani e crimini contro l'Umanità

In Congo lo stupro è un'arma di guerra

Nel Paese africano la violenza sessuale è usata per seminare il terrore e accaparrarsi le risorse minerarie. Le donne stuprate sono 600 solo ai confini tra il Congo e l'Angola. Il ginecologo Denis Mukwege ha costruito un ospedale nell'Est del Paese dove ha operato più di 20 mila donne violentate. Una delle vittime afferma: "Noi siamo fiere e possiamo ancora alzare la testa".


Russia, il massacro dei reporter scomodi

Sulle pagine della Stampa Franchetti traccia un bilancio della situazione a Mosca: "Dal 2000 nel Paese ci sono stati 19 omicidi irrisolti di giornalisti, oltre a decine di brutali pestaggi. Solo quest’anno sono già stati ammazzati otto giornalisti. In quest’ultima settimana altri due sono stati ferocemente aggrediti".


Ti ricordi di Ken Saro-Wiwa?

Nel 1995 venne ucciso al termine di un processo-farsa l'attivista nigeriano che aveva lottato per i diritti del suo popolo, gli Ogoni, calpestati dalle compagnie petrolifere. 

Un diario dal titolo Un mese e un giorno raccoglie le sue memorie di prigionia e a Roma va in scena lo spettacolo teatrale tratto dai suoi testi.


Allarme per l'imminente lapidazione di Sakineh

Secondo il Comitato internazionale contro le esecuzioni, Teheran avrebbe autorizzato l'esecuzione della condanna a morte di Sakineh Mohammed Ashtiani, la donna accusata dell'omicidio del marito.


Il rischio di un nuovo genocidio

Su Corriere TV la rubrica a cura di Antonio Ferrari sulle vicende che riguardano il Vicino Oriente. Per l'editorialista creare le condizioni per un nuovo genocidio è più facile di quanto si possa immaginare. Ferrari sottolinea l'importanza della "memoria" e l'attività del Comitato Foresta dei Giusti.


Nasce a Milano "Mayors for Peace"

Aggiornamento 19 ottobre

Il seminario promosso dal CIPMO si è concluso con la decisione di costituire un coordinamento comune di sindaci israeliani e palestinesi e di organizzare ad Ashkelon un grande meeting di primi cittadini dei due Paesi. 


Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

To Kill a Priest

di Agnieszka Holland (1988)

La storia

Raif Badawi

il blogger saudita condannato a mille frustate