English version | Cerca nel sito:

Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Siria strategica per Libano e Palestina

Analisi e commenti di giornalisti, blogger e oppositori sulla situazione siriana che, come scrive la BBC, "potrebbe fare apparire la Libia una realtà marginale". Infatti legata a Damasco, dove si contano oltre 200 desaparecidos, è un'alleanza "tra regime iraniano, gruppi radicali palestinesi della Striscia di Gaza ed hezbollah del Libano".


L'Egitto cancella Mubarak

La rivista Time ha incluso tra le cento personalità più influenti del mondo il blogger egiziano Wael Ghonim, proprio mentre un tribunale ordina di togliere foto e nome dell'ex dittatore da vie, piazze, scuole e biblioteche.


Intervista a Yekmalyan, Article 19

Sara Bicchierini intervista Mushegh Yekmalyan, responsabile per l’area asiatica ed europea di Article 19, un’organizzazione internazionale che si batte per la libertà di espressione nel Paese.


Votare non basta

Inquietudine in Occidente per l'evolversi dei movimenti arabi. In Tunisia il Comitato rivoluzionario che prepara le prime elezioni democratiche sancisce la parità dei sessi, ma in Egitto prevale un clima di violenza integralista. Incerto il futuro della Siria, dove la revoca della legge speciale in vigore da 48 anni potrebbe non bastare a placare lo scontento. All'interno i principali contributi apparsi nei media del mondo.


L'Ungheria non è più una Repubblica

Nel nuovo testo, che sostituisce quello comunista del 1949, lo Stato non viene più chiamato Repubblica e la nazione politica viene identificata con la nazione etnica. Articolo di Andrea Tarquini.


Egitto, tre anni di carcere per un blogger

Maikel Nabil di 25 anni è diventato il primo prigioniero di coscienza dell'Egitto del dopo Mubarak per aver accusato l'esercito di corruzione e repressione. Secondo il suo avvocato si tratta di un avvertimento a tutti gli attivisti per la democrazia egiziani di non criticare le forze armate pena il carcere militare. Dura presa di posizione di Human Rights Watch.


Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Fuocoammare

di Gianfranco Rosi

La storia

Raif Badawi

il blogger saudita condannato a mille frustate