English version | Cerca nel sito:

Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Che cosa possiamo imparare dai “Buchi di c… di Paesi”

Una delle migliori penne del New York Times, Nicholas Kristof, di origini rumene, spiega perché i Paesi definiti dal Presidente USA Trump "dei buchi di c..." hanno molto da insegnarci, e spesso migliori risultati dell'America in campo economico, sanitario e sociale. Pubblichiamo l'intervento tradotto.


Le "ragazze Masai" del Kenya contro le mutilazioni genitali femminili

Le mutilazioni genitali femminili sono una pratica tradizionale - ormai fuori legge nella maggior parte dei Paesi - che prevede dall'incisione all'asportazione parziale o totale dei genitali femminili esterni. Alcune donne del Kenya stanno sfidando questa tradizione, aprendo la strada all'emancipazione di migliaia di ragazze.


Iran, rivoluzione o assestamento in senso conservatore?

L'Iran ha tutti gli ingredienti per una rivoluzione: una maggioranza di giovani sotto i 30 anni connessi con gli smartphone, molti dei quali istruiti e disoccupati, e riformatori che hanno suscitato aspettative senza mantenere le promesse. Tuttavia il regime nato con la Rivoluzione del 1979 potrebbe riuscire a mantenere il controllo.


Macron incontra i leader delle comunità religiose francesi

Il 4 gennaio 2018, il Presidente francese ha incontrato i rappresentanti delle principali comunità religiose presenti in Francia e, in un discorso augurale, ha delineato la politica che intende seguire in materia di culti, richiamando i temi da affrontare: dalla bioetica alla lotta al terrorismo, all'accoglienza ai rifugiati, a partire dalla riflessione sul ruolo della laicità e dello Stato. Lo riportiamo di seguito tradotto.


L' Argentina tra verità, giustizia e ferite ancora aperte

“Finirete come i nazisti. Ovunque fuggirete, vi verremo a cercare”. Queste le parole che riecheggiavano all’esterno del Tribunale di Buenos Aires in occasione della sentenza ai danni di 48 ufficiali della dittatura argentina, il processo più importante per i crimini commessi tra il 1976 e il 1983. Ergastoli per le torture compiute nell'ESMA e per i "voli della morte". 


Pauli Murray, "il diritto di pensare l'impensabile"

L'avvocatessa nera difese il diritto del governatore dell'Alabama negli anni '60, George Wallace - leader segregazionista - di parlare all'università di Yale nel 1963. Perché, diceva, "se qualcuno traccia un cerchio per escluderci, noi dobbiamo tracciarne uno ancora più grande per includerlo".


Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

I narcos mi vogliono morto

Alejandro Solalinde e Lucia Capuzzi

Multimedia

Intervista a Marek Edelman

Intervista di Gad Lerner

La storia

​Sonita Alizadeh

la rapper che ha denunciato il dramma delle spose bambine