English version | Cerca nel sito:

Diritti umani e crimini contro l'Umanità

La ricetta per la libertà in Birmania secondo Amartya Sen

L'economista scrive sulle pagine de Il Sole 24 Ore suggerendo strategie per costringere il Paese a riforme liberali: un embargo sui prodotti che assicurano guadagni alla dittatura, il divieto di viaggi all'estero per gli esponenti del regime, restrizioni finanziarie sulle transazioni e una riconciliazione con il passato.


In Congo lo stupro è un'arma di guerra

Nel Paese africano la violenza sessuale è usata per seminare il terrore e accaparrarsi le risorse minerarie. Le donne stuprate sono 600 solo ai confini tra il Congo e l'Angola. Il ginecologo Denis Mukwege ha costruito un ospedale nell'Est del Paese dove ha operato più di 20 mila donne violentate. Una delle vittime afferma: "Noi siamo fiere e possiamo ancora alzare la testa".


Russia, il massacro dei reporter scomodi

Sulle pagine della Stampa Franchetti traccia un bilancio della situazione a Mosca: "Dal 2000 nel Paese ci sono stati 19 omicidi irrisolti di giornalisti, oltre a decine di brutali pestaggi. Solo quest’anno sono già stati ammazzati otto giornalisti. In quest’ultima settimana altri due sono stati ferocemente aggrediti".


Ti ricordi di Ken Saro-Wiwa?

Nel 1995 venne ucciso al termine di un processo-farsa l'attivista nigeriano che aveva lottato per i diritti del suo popolo, gli Ogoni, calpestati dalle compagnie petrolifere. 

Un diario dal titolo Un mese e un giorno raccoglie le sue memorie di prigionia e a Roma va in scena lo spettacolo teatrale tratto dai suoi testi.


Allarme per l'imminente lapidazione di Sakineh

Secondo il Comitato internazionale contro le esecuzioni, Teheran avrebbe autorizzato l'esecuzione della condanna a morte di Sakineh Mohammed Ashtiani, la donna accusata dell'omicidio del marito.


Il rischio di un nuovo genocidio

Su Corriere TV la rubrica a cura di Antonio Ferrari sulle vicende che riguardano il Vicino Oriente. Per l'editorialista creare le condizioni per un nuovo genocidio è più facile di quanto si possa immaginare. Ferrari sottolinea l'importanza della "memoria" e l'attività del Comitato Foresta dei Giusti.


Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Il secolo del genocidio

R. Gellately, B. Kiernan (a cura di)

Multimedia

Shoah

di C. Lanzmann (1985)

La storia

Sunila Abeysekera

cantante e attrice per i diritti delle minoranze