English version | Cerca nel sito:

Diritti umani e crimini contro l'Umanità

La proposta: Ia partita Italia-Turchia sia arbitrata da una donna

Gariwo lancia un appello alle donne e agli uomini dello sport, agli sportivi, ai cittadini perché possano chiedere all’UEFA che la partita inaugurale degli Europei venga arbitrata da un team di arbitri donna. La partita, di fatti, si svolgerà solo poche settimane dopo il decreto governativo del 20 marzo che ha sancito il ritiro della Turchia dalla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica nota anche come Convenzione di Istanbul. Il 12 marzo 2012 la Turchia era stata il primo Paese a ratificare la Convenzione.


Polonia, il tribunale blocca la vendita di Polska Press a un gruppo statale

Il tribunale ha sospeso l'acquisizione del gruppo Polska Press da parte del colosso statale dell'energia PKN Orlen, accogliendo la richiesta del Difensore civico e bloccando il piano del partito di governo PiS per accrescere il controllo statale sui media indipendenti.


Sovranismi, democrazia e diritti

La democrazia e i diritti umani sono sotto attacco in diversi paesi, dalla Russia alla Cina, nel Myanmar, ma anche a casa nostra, come accade in Polonia e Ungheria, e non solo. Cambiano i contesti politici e culturali, ma si tratta pur sempre di attacchi alla libertà d’espressione di pensiero e di coscienza dei cittadini.


Turchia, proteste contro il ritiro dalla Convenzione di Istanbul

Le donne hanno manifestato nelle principali città dopo il decreto presidenziale che revoca l'adesione del Paese al trattato internazionale per prevenire la violenza contro le donne. La componente femminile del partito di opposizione CHP ha presentato ricorso al Consiglio di Stato contro il ritiro dalla convenzione.


La grande intuizione di Raphael Lemkin

Raphael Lemkin pensava che la memoria della Shoah che aveva annientato tutta la sua famiglia e gli ebrei polacchi dovesse unire il mondo intero in un nuovo comandamento morale: non commetter più nessun genocidio.


In ricordo di Liu Xiaobo. Europa, Stati Uniti e la difesa dei diritti umani

È importante ricordare figure come Liu Xiaobo che hanno conciliato la tenacia della loro denuncia con la manifestazione di un atteggiamento non violento e non ispirato all’odio. La Storia ci ha insegnato che questi atteggiamenti possono alla fine avere la ragione.


Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Shoah

di C. Lanzmann (1985)

La storia

Bo Kyi

lo studente torturato che si batte per le libertà civili