English version | Cerca nel sito:

Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Agire è una scelta, per rompere la spirale di violenza

Denis Mukwege, che sarà onorato in occasione della prossima Giornata dei Giusti dell’umanità nel Giardino di Milano, ha dedicato la sua vita ad aiutare e difendere in Congo le donne vittime di stupri di guerra. Riportiamo il suo intervento per la consegna del Premio Nobel per la pace, dedicato alle vittime di violenza di tutto il mondo.


Ecco come si presenta veramente "l'invasione" di cui parla Trump

Il 15 novembre 2018, la carovana dei 7.000 migranti, provenienti per lo più dall’Honduras, che hanno attraversato il Messico con la speranza di giungere al confine con gli USA, è giunta a Tijuana. In gioco c'è la questione politica dell'accoglienza, ma anche la speranza di un futuro per moltissimi bambini. 


Processati i responsabili dell'omicidio di Victor Jara

9 condanne in Cile e una causa pendente in Florida a carico dei responsabili dell'omicidio del "Bob Dylan cileno", assassinato a Santiago del Cile nel 1973 per ordine del generale Augusto Pinochet. Oggi lo stadio dove fu torturato porta il suo nome e il popolare cantante e attivista è onorato in tutto il mondo.


"Un patto internazionale per la libertà d'informazione"

Shirin Ebadi, Joseph Stiglitz, Amartya Sen, Mario Vargas Llosa e altre 21 eminenti personalità hanno rivolto un appello per un'informazione libera e  rispettosa dei diritti umani a oltre 62 capi di Stato. L'occasione è il Forum della Pace, previsto a Parigi per l'11 novembre, per commemorare i 100 anni dalla Prima guerra mondiale.


Gli uomini che hanno salvato Asia Bibi

La legge sulla blasfemia in Pakistan viene utilizzata come strumento di pressione nei confronti delle minoranze non islamiche. Lo dimostra il caso di Asia Bibi, condannata a morte perché incolpata di aver dissacrato il nome di Maometto. La sua assoluzione è avvenuta anche grazie a degli uomini coraggiosi, di cui due hanno pagato con la vita. 


Una campagna Facebook per incitare il genocidio dei Rohingya

Un governo autoritario ha potuto usare Facebook per istigare a un atto di pulizia etnica, che ha già fatto migliaia di morti e messo in fuga un intero popolo. Sebbene non si possa colpevolizzare lo strumento, è necessario monitorarne gli utilizzi che vanno a minare i diritti dell’uomo e le libertà fondamentali.


Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

La vita con i ribelli siriani

immagini esclusive da Damasco del reporter M. Van Dyke

La storia

Ricky Richard Anywar

ex bambino-soldato che salva i bambini dalle milizie