English version | Cerca nel sito:

Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Olmert al ‘Post’: L’istigazione di Netanyahu potrebbe portare ancora una volta a un omicidio

Netanyahu non ammetterà mai di avere una parte di responsabilità nella creazione di questa atmosfera malvagia, in cui qualcuno penserà di essere giustificato nel fare del male a un difensore d’ufficio o a un giudice. Questa volta, quando succederà - e siamo molto più vicini a un tale evento di quanto alcuni potrebbero pensare - il Primo Ministro non potrà dire di non essere stato avvertito.


Zeev Sternhell, principale voce della sinistra israeliana, ci ha lasciato

Sopravvissuto all’Olocausto, intellettuale rivoluzionario, ha cambiato il modo in cui la destra viene vista dagli intellettuali e ha lanciato l’allarme sulla fine della democrazia in Israele e sul pericolo del fascismo nel mondo.


Turchia, opposizione divisa, questione curda ignorata

Il Partito di sinistra pro-curdo HDP protesta contro la repressione, ma nell'opinione pubblica non c'è empatia per i curdi e l'opposizione così divisa non rappresenterà mai un problema per il regime autoritario attuale, dice l'analista politico turco Cengiz Aktar.


Per capire le proteste di Hong Kong bisogna studiarne la storia

Hong Kong è sempre stata considerata cauta, pragmatica e materialista. Ma l'anno scorso un movimento di protesta sempre più audace ha trasformato la città. Nel frattempo Pechino stringe la presa: per quanto tempo ancora può sopravvivere il movimento? 


Vanda, eroina indigena contro il Covid

Il mondo intero ha riconosciuto con immensa gratitudine il lavoro dei medici e degli infermieri nel fronteggiare la pandemia Covid-19. Con eguale gratitudine gli indigeni affetti da coronavirus di Parque das Tribos attendono nelle loro abitazioni Vanda, l’infermiera di 32 anni originaria della tribù witoto che ha scelto di indirizzare tutte le sue energie verso la cura degli indigeni che abitano questo territorio. Una cura contro il virus, e contro il genocidio.


Il conflitto israeliano palestinese - un approccio congiunto per la risoluzione del problema

Sono orgoglioso di dire che l’approccio congiunto per la risoluzione del problema e la prospettiva win-win stanno guidando la nostra visione e i nostri progetti al Centro Peres per la Pace e l’Innovazione. La cooperazione nel campo della medicina, dell’educazione, del business, dell’imprenditoria e dell’ambiente tra israeliani e palestinesi e tra arabi ed ebrei, all’interno di Israele, è ciò che portiamo avanti ogni giorno con l’obbiettivo di raggiungere la pace e la convivenza. Il Centro Peres non affronta però gli aspetti politici, dunque è necessario che un approccio del genere venga applicato dai nostri politici. Vedere il lato umano dell’altro, anche durante conflitti dolorosi, è cruciale per mantenere la nostra morale, in quanto esseri umani.


Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Una vita da dissidente

Win Tin e Sophie Malibeaux

Multimedia

Gli stupri di guerra in Congo

di Marco Gualazzini e Daniele Bellocchio

La storia

Enrico Calamai

vice console che ha salvato 300 persone dalla dittatura militare