English version | Cerca nel sito:

Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Stato di Israele vs. popolo ebraico

La giornalista di Haaretz Eva Illouz ha ripercorso, in un articolo del 19 settembre 2018, la storia dei controversi legami tra Israele, l'Ungheria di Orbán, la Polonia di Morawiecki, l'America di Trump e la Russia di Putin, ipotizzando alcuni scenari futuri che riguardano le comunità ebraiche del mondo, le democrazie occidentali, e l'Unione Europea. Proponiamo la traduzione delle sue riflessioni.


Difendere l'ambiente, mai così pericoloso

AT WHAT COST? (a quale prezzo?) è il titolo del sesto report annuale di Global Witness sui Defenders of the Earth: uomini, donne, comunità e organizzazioni che hanno difeso i diritti umani, la loro terra e l’ambiente e, per questo, sono stati assassinati. Un elenco di 207 nomi per il 2017, il peggior record mai raggiunto.


L'istruzione negata e il drammatico destino dei bambini che non vanno a scuola

L'istruzione è un diritto fondamentale che deve essere garantito a tutti i bambini, ma la realtà dimostra il contrario. MOAS si è unita a un appello UNICEF per dare maggior supporto ai bambini Rohingya, poichè "l'istruzione dei bambini è preziosa per la loro stessa comunità". Di Regina Catrambone


Strasburgo contro Orban

Strasburgo ha approvato le sanzioni contro l’Ungheria di Viktor Orbán. L'assemblea ha sottoscritto la risoluzione dell'europarlamentare Judith Sargentini, chiedendo di aprire la procedura prevista dall'articolo 7 del Trattato in caso di violazione dei diritti fondamentali. "L'Europa - ha dichiarato Jean-Claude Juncker - deve restare un continente di apertura e tolleranza". 


"Il populismo? Sfida, ma anche opportunità"

Il neoliberismo ha creato rimostranze dettate da motivi seri, sfruttate dalla destra radicale. La sinistra, sostiene la prof. Chantal Mouffe dell'Università di Westminster, deve trovare un nuovo modo di articolarle. Pubblichiamo tradotte le sue riflessioni apparse sul Guardian del 10 settembre 2018.


La "resistenza" dei funzionari contro Trump

Non c'è pace per Donald J. Trump. Prima il libro di Bob Woodward, ora la lettera del funzionario anonimo della Casa Bianca che parla di un gruppo interno all'amministrazione che farebbe resistenza per contenere gli istinti più "scellerati" del presidente...


Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Pane Nero

Miriam Mafai

Multimedia

Intervista a Cecilia De Vincenti

"Mia madre, Azucena Villaflor"

La storia

Don Pino Puglisi

il prete con i pantaloni, che denunciò la mafia