English version | Cerca nel sito:

Diritti umani e crimini contro l'Umanità

Joshua Wong: prove tecniche per un messaggio universale di libertà

Mentre ad Hong Kong impazzano gli arresti, il giovane leader solidarizza con i neri d'America. Dimostrando che il suo attivismo è diventato maturo, universale. Schierandosi con Black Lives Matter ha dimostrato che la lotta per i diritti umani non può non essere vista che universalmente. “A partire da Hong Kong, le democrazie di tutto il mondo devono riunirsi per mantenere la propria posizione. Stando con Hong Kong, il mondo può dimostrare che una nuova forza può nascere dall'unità e che attraverso questa forza la libertà può essere preservata”.


Soros è il primo obiettivo della "teoria del grande complotto"

Le conseguenze delle ingiurie contro George Soros, finanziere ebreo e grande donatore per cause umanitarie, sono dannose per la democrazia in generale, secondo l'analisi di Emily Tamkin pubblicata dal quotidiano Haaretz.


Sullo scontro tra Trump e Twitter

“La democrazia digitale arriva fino a dove non si ledono i diritti dell’altro, che deve essere tutelato dal non subire l’imposizione di un’idea o dalla ricezione di narrazioni prestabilite”, abbiamo scritto nella nostra Carta delle responsabilità dei social media. È necessario che a livello internazionale si lavori per trovare un punto di equilibrio che non censuri le opinioni ma nemmeno permetta che dichiarazioni che mettono in pericolo la pace, la democrazia e i diritti umani passino inosservate.


Essere Giusti nel mondo segnato dal Covid

La crisi sanitaria che tutto il mondo ha dovuto affrontare pone ognuno di noi di fronte a scelte che possono cambiare le sorti dell’intero pianeta: il destino individuale è infatti legato, oggi più che mai, a quello dell’umanità. Fin dall’inizio della pandemia è risultato evidente come il virus abbia non solo colpito la nostra salute e le nostre abitudini, ma abbia anche esacerbato crisi e situazioni già drammatiche e delicate. In tutto questo, l’esempio dei Giusti continua ad essere la terapia che ci indica il sentiero da percorrere. Ma chi sono queste figure esemplari, e come operano oggi nei nuovi scenari creati dall’epidemia?


Turchia, le Madri del Sabato chiedono giustizia per i familiari scomparsi

Nella piazza Galatasaray, a Istanbul, nel 25esimo anniversario della loro protesta, iniziata il 27 maggio 1995 per rivendicare il diritto ad avere notizie dei familiari vittime di sparizioni forzate


In Israele tra gli arabi pochi contagi e decessi da Covid-19

Pur essendo il 21% della popolazione gli arabi israeliani rappresentano solo il 2% dei decessi da COVID-19 e il 6% dei contagi. Un risultato dovuto a una collaborazione senza precedenti tra autorità locali, leader politici e cittadini che potrebbe portare a cambiamenti sociali dopo la fine della crisi, dice il quotidiano Haaretz.


Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

La sposa bambina

la vera storia di Nojoud Ali

La storia

Bo Kyi

lo studente torturato che si batte per le libertà civili