English version | Cerca nel sito:

Ancora una polemica per Sergio Romano

dal genocidio armeno a Israele

Una nuova polemica sulla pagina delle Lettere al Corriere della Sera, protagonista il curatore della rubrica,
Sergio Romano afferma il proprio diritto a dissentire dalle scelte israeliane in politica estera, come aveva richiamato la facoltà di criticare la nuova legge francese sul negazionismo in relazione al genocidio armeno e la ruolo della Turchia.
Le lettere chiedono di entrare nel merito delle contestazioni. Romano rivendica la libertà di pensiero.
Tuttavia non è spostando i termini del dibattito con petizioni di principio che si chiariscono le argomentazioni su questioni storiche e politiche cruciali per il nostro presente.

20 gennaio 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Shoah

di C. Lanzmann (1985)

La storia

Mary McLeod Bethune

instancabile combattente per i diritti degli afroamericani e delle donne