Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Appello di Oz, Grossman ai parlamenti europei

per riconoscere lo Sato di Palestina

Le bandiere di Israele e Palestina

Le bandiere di Israele e Palestina www.tempi.it

Tre grandi scrittori israeliani - Amos Oz, David Grossman e A.B. Yehoshua - hanno firmato un appello pubblico per chiedere alle nazioni europee di riconoscere la Palestina come Stato. La petizione ha raccolto già quasi 900 adesioni tra importanti personalità israeliane come il Premio Nobel Daniel Kahneman, l'ex presidente del Parlamento israeliano Avraham Burg e l'ex ministro Yossi Sarid. La richiesta è stata già inviata al Parlamento danese, che dovrebbe discutere questa settimana sul riconoscimento dello Stato di Palestina, a quello belga e al Parlamento europeo, che dovrebbero votare in merito questo mese. I parlamenti di Francia, Spagna e Gran Bretagna hanno approvato mozioni non vincolanti per riconoscere la Palestina come Stato, ma solo il governo svedese finora lo ha fatto in modo formale.

L'appello, promosso dall'ex direttore generale del Ministero degli Esteri Alon Liel e dai fondatori di Peace Now Amiram Goldblum e Naftali Raz, dichiara: «Noi, cittadini di Israele che aspiriamo a essere un Paese sicuro e prospero, siamo preoccupati dal prolungato stallo politico e dall’occupazione e dagli insediamenti che portano a ulteriori scontri con i palestinesi e minano le possibilità per un compromesso. È chiaro che le prospettive per la sicurezza e l’esistenza di Israele dipendono dall’esistenza di uno Stato palestinese al fianco di Israele. Israele dovrebbe perciò riconoscere lo Stato di Palestina e questo dovrebbe riconoscere lo Stato di Israele basato sui confini del 4 giugno 1967. La vostra iniziativa per il riconoscimento dello Stato palestinese porterà avanti le prospettive di pace e incoraggerà israeliani e palestinesi a porre fine al conflitto".

L'iniziativa ha raccolto consensi nella sinistra israeliana, mentre è stata criticata dal primo ministro Benjamin Netanyahu, secondo il quale mosse unilaterali come questa non contribuiscono a incoraggiare i palestinesi a trattare per la pace.

9 dicembre 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Che cosa succede in Medio Oriente?

la Primavera Araba in un video di Gariwo

La storia

John Rabe

Il nazista che salvò i cinesi a Nanchino