English version | Cerca nel sito:

Argentina, ergastolo all'ex dittatore Videla

condannato per crimini contro l'umanità

L’ex dittatore argentino Jorge Videla è stato condannato all’ergastolo da un tribunale di Cordoba, colpevole del sequestro, della tortura e della fucilazione di 31 detenuti politici rinchiusi in un carcere di Cordoba tra l'aprile e l'ottobre 1976, poco dopo il golpe da lui guidato, il 24 marzo dello stesso anno.

Con Videla è stato condannato all'ergastolo anche l'ex generale Luciano Benjamin Menendez. I due prima della sentenza hanno sostenuto di aver combattuto "una guerra giusta" contro i "sovversivi marxisti".

La fucilazione dei detenuti

La maggior parte degl oppositori furono prelevati dalle celle della Unidad Penal 1 (UP1) e uccisi con un colpo di fucile. Secondo la versione dell’esercito, gli uomini furono uccisi perché “tentarono di scappare”. All’epoca il generale Videla era uno dei membri delle forze di sicurezza che compirono il massacro.

L'ex dittatore era già stato condannato all'ergastolo nel 1985 ma aveva scontato solo 5 anni di carcere ed era stato graziato dall'ex presidente presidente Carlos Menem. Il provvedimento era stato dichiarato anticostituzionale nel 2007. La corte suprema nel 2005 aveva abrogato le leggi di amnistia contro i crimini della dittatura.

La sentenza è stata accolta con molto entusiasmo dai cittadini di Cordova. "Sono stati gli assassini più brutali della storia dell’Argentina”, dichiarano i cordobesi al giornale Clarìn, “Però, nel bel mezzo di questa gioia, dobbiamo tenere presente che siamo solo a metà del nostro cammino: adesso aspettiamo il giudizio finale sul rapimento dei nostri nipoti“, hanno concluso i familiari delle vittime dell’UP1.

23 dicembre 2010

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

A casa nostra. Cronaca da Riace

Lelio Bonaccorso, Marco Rizzo

La storia

Raphael Lemkin

il grande giurista che ha formulato la definizione di genocidio e l'ha imposta al mondo