English version | Cerca nel sito:

Attivista per i diritti umani perseguitato in Bahrein

scrive messaggi pacifisti su Twitter

Il direttore del Centro bahreinese per i diritti dell'uomo Nabil Rajab sarebbe sottoposto secondo il quotidiano francese Le Monde a una vera e propria "persecuzione giudiziaria". Su di lui pendono tre processi: per aver insultato la monarchia sui social network, per assembramento illegale e per avere incitato all'uso della forza durante una manifestazione a gennaio. Ora, per la prima volta, il militante è stato arrestato. 

Secondo Le Monde le accuse sarebbero infondate e il regime starebbe conculcando la libertà d'espressione del blogger. In realtà sarebbe in atto un "inasprimento della situazione dei diritti umani" in Bahrein, secondo Marie Camberlin, responsabile dell'ufficio Nordafrica e Medioriente della Federazione Internazionale delle leghe per i diritti dell'uomo (FIDH). 


Fin dall'inizio delle contestazioni al potere del Bahrein il 14 gennaio 2011, Nabil Rajab è una delle principali voci di denuncia delle violazioni dei diritti dell'uomo nel Paese. I suoi frequenti post su Twitter lo hanno condotto varie volte nelle guardiole dei commissariati, ma finora non ci si aspettava l'arresto, soprattutto di una figura a forte impatto mediatico nota per i suoi messaggi pacifisti. 


Insieme con lui sono agli arresti altri 14 attivisti, tra cui Abdullah al-Khawaja che è ora in sciopero della fame. La Corte di Cassazione del Bahrein ha accettato di rivedere molti di questi casi, ma ha spesso confermato le condanne. Secondo la FIDH la repressione in questo Paese rasenterebbe "la punizione collettiva": interi villaggi sarebbero stati "inondati" di gas lacrimogeni in occasione dei cortei di protesta. 


Le Monde ha ricordato che il Bahrein è molto attento alla sua immagine internazionale e casi come questi "non sono segni incoraggianti". 

17 maggio 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Datemi libri

Ludovica Iaccino

La storia

Padre Emanuel Natalino Vura

il prete che salva dalla guerra i bambini-soldato