English version | Cerca nel sito:

Cade il governo libanese

il Paese a rischio instabilità

Aggiornamento 13 gennaio
Sciiti ed Hezbollah sono usciti dalla compagine guidata da Saad Hariri, il figlio del premier ucciso nel 2005, in seguito alle accuse rivolte loro dal Tribunale internazionale che indaga sull'omicidio. Mentre si attende una sentenza, crescono i timori di una nuova guerra civile. 

26 novembre 2010
Caso Hariri, vicini alla verità
presto pubblici i nomi dei mandanti

Il 10 dicembre il Tribunale speciale per il Libano istituito dall'Onu farà i nomi di chi ha pianificato l'omicidio dell'ex premier. Da quel momento la crisi politica del Paese potrebbe sfociare in guerra civile. Il leader degli Hezbollah Nasrallah minaccia di "tagliare le mani a chi oserà infangare il nostro nome".

23 novembre 
Il Libano a rischio di colpo di Stato
dopo le rivelazioni sul caso Hariri

Sempre più difficile per il Paese mediorientale mantenere la stabilità faticosamente raggiunta nel 2006, dopo il ritiro delle truppe siriane e l'offensiva di Israele contro il partito estremista musulmano Hezbollah. 

Il Libano accoglie tutte le minoranze religiose del Medioriente ed è governato a turno da ognuna di loro: drusi, sciiti, sunniti, cristiani maroniti e altri. 

Il pomo della discordia sono le indagini sull'omicidio dell'ex premier libanese Rafik Hariri, di cui sono accusati il governo di Damasco e gli Hezbollah. La corte internazionale istituita dall'Onu a L'Aja nel 2009 ha confermato le responsabilità degli Hezbollah, che non accettano questo responso.

La loro reazione fa temere un riacutizzarsi della violenza settaria. Il "partito di Dio" controlla larga parte del Libano meridionale e a nulla valgono le richieste dell'Onu di smantellare tutti i gruppi armati del Paese. 

La situazione è giudicata molto preoccupante dalle diplomazie di tutto il mondo e si registrano interventi di Israele, Italia, Turchia e altri Stati. 

13 gennaio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

I narcos mi vogliono morto

Alejandro Solalinde e Lucia Capuzzi

Multimedia

Dawson: Isla 10

Film sul lager dei golpisti cileni, dalle memorie di Sergio Bitar

La storia

Hassiba Boulmerka


prima donna africana a vincere un titolo mondiale