English version | Cerca nel sito:

Carceri illegali in Cina

la denuncia in un articolo subito censurato

Sembrava una notizia storica. I media cinesi domenica 2 dicembre riportavano la news che una corte per la prima volta aveva condannato al carcere dieci persone accusate di aver istituito carceri illegali per i dissidenti. Un utente di Weibo, il Twitter cinese, secondo il New York Times avrebbe addirittura scritto: "È l'inizio dello Stato di diritto".

Entro sera gli organi di informazione erano rientrati nei ranghi e l'articolo era sparito. La questione è però posta all'ordine del giorno: sono migliaia le persone che finiscono nelle cosiddette black jail per aver tentato di protestare con le autorità. 


In pratica succede questo: a Pechino c'è un ufficio preposto a ricevere petizioni popolari. Molte persone che tentano di raggiungere questo ente tuttavia vengono fermate da persone assunte apposta dal Partito Comunista e spesso rinchiuse per mesi nelle prigioni illegali, dove subiscono stupri e pestaggi e a volte vengono addirittura uccise. Chissà se dopo questa denuncia misteriosamente filtrata, benché per poche ore soltanto, dalle maglie della censura si provvederà a fermare il fenomeno e punire i responsabili. 

3 dicembre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Giornata mondiale contro la pena di morte

10 miti da sfatare secondo Amnesty USA

La storia

Mehrangiz Kar

avvocato, scrittrice, docente all’Università di Harvard