English version | Cerca nel sito:

Carceri illegali in Cina

la denuncia in un articolo subito censurato

Sembrava una notizia storica. I media cinesi domenica 2 dicembre riportavano la news che una corte per la prima volta aveva condannato al carcere dieci persone accusate di aver istituito carceri illegali per i dissidenti. Un utente di Weibo, il Twitter cinese, secondo il New York Times avrebbe addirittura scritto: "È l'inizio dello Stato di diritto".

Entro sera gli organi di informazione erano rientrati nei ranghi e l'articolo era sparito. La questione è però posta all'ordine del giorno: sono migliaia le persone che finiscono nelle cosiddette black jail per aver tentato di protestare con le autorità. 


In pratica succede questo: a Pechino c'è un ufficio preposto a ricevere petizioni popolari. Molte persone che tentano di raggiungere questo ente tuttavia vengono fermate da persone assunte apposta dal Partito Comunista e spesso rinchiuse per mesi nelle prigioni illegali, dove subiscono stupri e pestaggi e a volte vengono addirittura uccise. Chissà se dopo questa denuncia misteriosamente filtrata, benché per poche ore soltanto, dalle maglie della censura si provvederà a fermare il fenomeno e punire i responsabili. 

3 dicembre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto