English version | Cerca nel sito:

Echi di 1989 nelle rivolte arabe

ma Vaclav Havel segnala differenze e rischi

L'ex leader della Rivoluzione di Velluto in un'intervista ad Associated Press citata oggi da Gad Lerner su La Repubblica ha commentato la sollevazione in Medioriente e Nordafrica rievocando la caduta del Muro di Berlino.

Havel ha raccontato di aver appreso durante le rivolte in Europa orientale che le manifestazioni di massa contro i leader arroccati nei loro bunker devono avere successo rapidamente o sfociano in atti di violenza criminale, come successo al Cairo quando a fronte dei contestatori sono scesi in piazza i sostenitori di Mubarak.

"Il tempo è un fattore essenziale", ha dichiarato l'ex Presidente ceco. "Più a lungo durano le rivolte e più prende corpo la prospettiva di regimi molto peggiori di quello del leader egiziano costretto a dimettersi".

24 febbraio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Libia

Francesca Mannocchi e Gianluca Costantini

Multimedia

Terraferma

Di Emanuele Crialese (2011)

La storia

Raphael Lemkin

il grande giurista che ha formulato la definizione di genocidio e l'ha imposta al mondo