English version | Cerca nel sito:

Etiopia, bavaglio al dissenso

in carcere i giornalisti

In Etiopia le Ong che si occupano di diritti umani hanno condannato il fermo di 24 persone, tra loro un noto giornalista, con l'accusa di cospirare con i ribelli per rovesciare il governo.

È la terza volta in cui un giornalista viene accusato di terrorismo nel giro di sei mesi: l'Etiopia si sta avvicinando all'Eritrea, che ha il maggior numero di giornalisti in carcere, secondo il  Committee to Protect Journalists (CPJ).


Per il Guardian, il giornalista e blogger Eskinder Nega è stato accusato, tra le altre cose, di atti terroristici e di "incoraggiare il terrorismo" per una serie di articoli pubblicati online. Nega ha ricevuto recentemente il prestigioso premio  Pen America press freedom award, è stato arrestato l'anno scorso. La sentenza è attesa per il 13 luglio prossimo.


Per Claire Beston, ricercatrice di Amnesty International, "Questo è un giorno nero per la giustizia in Etiopia, dove la libertà di espressione è continuamente distrutta da un governo che prende di mira qualsiasi voce di dissenso".


29 giugno 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Pane Nero

Miriam Mafai

Multimedia

Taking Root

il film su Wangari Maathai

La storia

Jean-Sélim Kanaan

il giovane impegnato in missioni umanitarie caduto a Bagdad nell'attentato alla sede ONU