English version | Cerca nel sito:

Etiopia, bavaglio al dissenso

in carcere i giornalisti

In Etiopia le Ong che si occupano di diritti umani hanno condannato il fermo di 24 persone, tra loro un noto giornalista, con l'accusa di cospirare con i ribelli per rovesciare il governo.

È la terza volta in cui un giornalista viene accusato di terrorismo nel giro di sei mesi: l'Etiopia si sta avvicinando all'Eritrea, che ha il maggior numero di giornalisti in carcere, secondo il  Committee to Protect Journalists (CPJ).


Per il Guardian, il giornalista e blogger Eskinder Nega è stato accusato, tra le altre cose, di atti terroristici e di "incoraggiare il terrorismo" per una serie di articoli pubblicati online. Nega ha ricevuto recentemente il prestigioso premio  Pen America press freedom award, è stato arrestato l'anno scorso. La sentenza è attesa per il 13 luglio prossimo.


Per Claire Beston, ricercatrice di Amnesty International, "Questo è un giorno nero per la giustizia in Etiopia, dove la libertà di espressione è continuamente distrutta da un governo che prende di mira qualsiasi voce di dissenso".


29 giugno 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Dove la terra brucia

Giuseppe Galeani e Paola Cannatella

Multimedia

Invictus

il film di Clint Eastwood sull'apartheid

La storia

Bo Kyi

lo studente torturato che si batte per le libertà civili