English version | Cerca nel sito:

Fosse comuni a Deraa

la città delle rivolte siriane

Sarebbero stati ritrovati in una fossa comune a Deraa quaranta cadaveri, tra cui donne e bambini. Lo ha denunciato Radwan Ziadeh, attivista del Centro per i diritti umani di Damasco.

Il governo siriano, che nega l'esistenza di questa tomba collettiva, ha sequestrato i cellulari dei testimoni e ha impedito ai giornalisti di spostarsi attraverso il Paese. Tuttavia su YouTube sarebbero apparse le immagini raccapriccianti di questo teatro di massacri. I corpi sarebbero in decomposizione, seminudi e perfino mutilati.

Dopo che la notizia ha iniziato a circolare, è vietato ai civili cercare i loro familiari, che gli attivisti per la democrazia ritengono siano stati uccisi "dalla quarta divisione dell'esercito" guidata dal fratello del Presidente Assad. Sarebbero 700 le persone sparite da quando queste truppe sono entrate a Deraa lo scorso 25 aprile, per reprimere l'ondata di proteste contro il regime.

18 maggio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Pane Nero

Miriam Mafai

Multimedia

Appena apro gli occhi

Canto per la libertà

La storia

Mehrangiz Kar

avvocato, scrittrice, docente all’Università di Harvard