English version | Cerca nel sito:

Giornata internazionale dei Rom, Sinti e Caminanti

un concerto a Milano dedicato alle scuole

La bandiera del popolo rom

La bandiera del popolo rom

L’ 8 aprile in tutto il mondo si celebra il “Romano Dives“, la Giornata internazionale dei Rom, Sinti e Caminanti.

La ricorrenza è stata istituita per ricordare il primo congresso mondiale di questo popolo, che si tenne a Londra nel 1971, quando si adottò ufficialmente la denominazione “rom” (uomo), la canzone Djelem Djelem come inno per ricordare il Porajmos e la bandiera Rom, la ruota rossa in campo azzurro e verde. Quel giorno si costituì anche la Romani Union, la prima associazione mondiale dei rom, riconosciuta dall’Onu nel 1979.

A Milano, l’8 aprile la Giornata sarà celebrata con un concerto all’Auditorium Mahler, a partire dalle ore 10.30, dedicato agli studenti.

L’iniziativa, promossa da Scuole Senza Muri, vedrà in apertura gli interventi di Diana Pavlovic, attrice e attivista per i diritti umani, Corabia Guta, mediatrice culturale e di Moni Ovadia sulla storia, la cultura del popolo Rom e sugli stereotipi discriminatori.

Parteciperanno musicisti Rom e varie compagini giovanili milanesi:
L’Orchestra del Sistema Song Lombardia - di cui fanno parte anche i bambini della Scuola Primaria e Secondaria Tommaso Grossi tra cui bambini del Campo di via Sacile;
Il coro della Scuola Media Confalonieri, la classe di chitarra e di violino della Media Arcadia, amici strumentisti dell’Orchestra del Teatro alla Scala. Verranno eseguiti brani della tradizione Rom.

25 marzo 2019

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto