English version | Cerca nel sito:

Gli USA approvano il Genocide and Atrocities Prevention Act 2016

Una norma per rendere obsoleta la concorrenza tra Stati

Il Senatore USA Ben Cardin

Il Senatore USA Ben Cardin AP Photo

Su iniziativa del senatore democratico del Maryland Ben Cardin, è passata al Congresso americano la norma che corona 15 anni di sforzi americani e non solo per rendere il diritto, e non la competizione tra potenze, il motore della storia. 

Finora infatti, come si è visto in numerose vicende storiche (dalla colonizzazione dell'Africa alle guerre valutarie negli anni Trenta del Ventesimo secolo, fino alla questione siriana di oggi) la guerra e la pace venivano decise da un complesso di fattori tra cui rientrava sicuramente la lotta tra Paesi della stessa regione o per garantirsi il ruolo di superpotenze mondiali. 

Parte della politica e della società civile è però a favore del fatto che l'andamento della comunità internazionale sia regolato sempre più dal diritto e meno dai sogni di potenza di leader e dittatori. Per questo, 15 anni fa era stato approvato in America il principio "R2P", Responsibility to Protect, che sanciva il dovere di soccorrere le popolazioni minacciate da violenze di massa. 

In 15 anni però non sono finite le atrocità. In Sudan, Siria, Burundi, Birmania e molti altri Paesi del mondo, compresi quelli occidentali a rischio di attacchi terroristici, interi gruppi umani vengono fatti oggetto di attacchi "eliminazionisti", come li definisce Daniel Goldhagen in Peggio della guerra

Sono però cresciuti i contributi della scienza alla comprensione di queste tragedie e soprattutto dei segni premonitori che le annunciano, quali ad esempio le campagne d'odio verso alcuni popoli nei media. Così, oltre a Goldhagen, abbiamo letto articoli e libri anche di Yehuda Bauer e molti altri, incluse le testimonianze di chi per le atrocità c'è passato. O passata, come Claire Ly, Yolande Mukagasana, o le Giuste che onoreremo al Monte Stella il 6, 7 e 8 marzo 2016: Flavia Agnes, Sonita Alizadeh, Halima Bashir, Vian Dhakil, Felicia Impastato e Azucena Villaflor. Donne che hanno saputo far valere la legge morale sopra leggi sociali o statali ingiuste.  E qualcosa è penetrato nelle alte sfere. 

Ecco che quindi gli USA varano il Genocide and Atrocities Prevention Act, un provvedimento che tiene conto del fatto che la definizione di genocidio può bloccare invece che abilitare le funzioni di prevenzione e punizione dei crimini di massa, che quindi vengono definiti "atrocità", e di cui vengono riconosciute legalmente tre principali cause: la presenza di fattori di rischio politici (come le divisioni etniche più o meno artificiose tra i popoli) in un Paese, che dev'essere monitorata dal Genocide Prevention Board già istituito da Obama anni fa; la presenza di fattori di rischio economici, ai quali dovrà provvedere un Complex Crisis Fund previsto dall'attuale legge; e la mancanza di addestramento adeguato per fare fronte a tali rischi - il provvedimento predispone percorsi di formazione per diplomatici ancora prima che siano inviati nei Paesi di accreditamento.

Certo, gli Stati Uniti non possono essere l'unico "poliziotto del mondo" che si occupa di intervenire a prevenzione o a repressione delle atrocità di massa. Ci vuole cooperazione, che a volte viene meno proprio a causa della competizione di Stati, come sostiene il professor Ramesh Thakur, che ha fatto parte della Commissione del Congresso USA sull'Intervento e la Sovranità dello Stato quindici anni fa. India e Cina si guardano con sospetto per quanto riguarda crisi come quelle del Tibet o del Myanmar. Pechino mostra di non gradire affatto interferenze degli USA in Corea del Nord, il che sta impedendo opere di soccorso ai civili; la Nato e la Russia si affrontano anziché cooperare non solo per quanto concerne l'Ucraina, ma ormai anche per l'intricato conflitto siriano, già reso esplosivo dagli interessi di Iran e Arabia Saudita. 

Però certamente la nuova legge va nel senso di affidare le decisioni dei governi a un sistema giuridico chiaro e rispettoso dei diritti umani, invece di rendere questi ultimi disponibili e sacrificabili in nome degli interessi degli esecutivi.   

Carolina Figini, Redazione Gariwo

18 febbraio 2016

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Borderlife

Dorit Rabinyan

Multimedia

Le parole di Pinar Selek

"la parola chiave? Resistenza"

La storia

Sunila Abeysekera

Cantante e attrice per i diritti delle minoranze