Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Guatemala, chi difende i difensori dell'ambiente?

protesta di Amnesty dopo l'omicidio dell'ambientalista Ronald David Barillas Díaz

Manifestazioni del popolo Xinca contro la miniera di San Rafael

Manifestazioni del popolo Xinca contro la miniera di San Rafael No a la mina

Secondo il Guardian, sono 17 i defender uccisi nel 2018. Il guatemalteco Ronald David Barillas Díaz, in particolare, è stato assassinato il 9 gennaio nella città di Taxisco. Un testimone avrebbe visto un uomo a bordo di un'auto bianca avvicinarsi all'attivista con il pretesto di chiedergli qualcosa, sparargli sei colpi in pieno petto e poi fuggire insieme al suo complice che era al volante. 

Ronald David Barillas Díaz era un membro del parlamento indigeno del popolo Xinca, molto rispettato anche in quanto aveva promosso una consulta municipale per valutare i rischi ambientali delle attività dell'impresa canadese Tahoe Resources Inc, che controlla la miniera di San Rafael de Santa Rosa. Il defender era anche attivo contro lo sfruttamento della canna da zucchero nelle province limitrofe. 

Il Guatemala ha una lunga storia di repressione dei popoli indigeni, con collusioni tra il governo - soprattutto la dittatura negli anni '80 di Rios Montt, recentemente scomparso - e le grandi imprese dell'industria e dell'agroalimentare. Insieme all'Honduras, è uno dei luoghi più pericolosi del mondo per i difensori degli ecosistemi naturali.

Amnesty International ha chiesto al Paese di adottare urgentemente una politica di tutela ambientale e di consultarsi subito con gli ambientalisti per trovare mezzi idonei a superare il clima di "rischio e di paura" in cui si era trovato a operare Díaz. Ha inoltre chiesto di adottare una politica organica di difesa degli attivisti per l'ambiente e di indagare in maniera imparziale sull'assassinio del leader indigeno. 

3 aprile 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Pane Nero

Miriam Mafai

La storia

​Sonita Alizadeh

la rapper che ha denunciato il dramma delle spose bambine