English version | Cerca nel sito:

I giovani lottano per la democrazia

primo videomessaggio di Aung San Suu Kyi

Pubblicato in esclusiva da Foreign Policy il primo appello video di Aung San Suu Kyi alle nuove generazioni. 

"Quando sono tornata in libertà - dice - la cosa che più mi ha stupito è che tra le persone che mi sono venute a salutare, quelle che lottano per la nostra causa, ci sono molto più giovani di quanto non fosse anni fa. Diverse nuove generazioni si sono unite a noi". 

Si tratta di persone molto abili nel comunicare attraverso gli strumenti messi a disposizione da quella che la leader birmana definisce "la nuova rivoluzione tecnologica". Tutto questo, dichiara Aung San Suu Kyi, "mi incoraggia molto e mi rende ottimista perché le nuove tecnologie permettono una migliore comunicazione tra le nuove generazioni". 

Ciò significa che oggi è molto più facile "imparare dai nuovi pensatori, dai giovani, dalla gente che mentre io ero reclusa hanno potuto vedere cosa accadeva nel mondo".

1 dicembre 2010

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto