Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

I rifugiati climatici non esistono

ancora nessuna normativa

A causa del clima che sta cambiando, famiglie e comunità intere sono costrette a lasciare le loro case in cerca di un nuovo inizio. Sono, infatti, circa 258 milioni i migranti per ragioni ambientali. Secondo l’International Organization for Migration, i cambiamenti climatici potrebbero far spostare fino a un miliardo di persone entro il 2050. Purtroppo, però, in termini legali i “rifugiati climatici” non esistono. Secondo la Convenzione relativa allo statuto dei Rifugiati del 1951, si può beneficiare, per esempio, dello status di rifugiato se si è perseguitati per motivi politici, religiosi e di razza. Ma il clima o l’ambiente non qualificano una persona come rifugiata e non garantiscono così la sua protezione. In merito a ciò, le Nazioni Unite propongono due iniziative: il Global Compact on Refugees, per dare più diritti ai rifugiati e assistere i governi ospitanti, il Global Compact for Migration per far capire che i cambiamenti climatici sono tra i “fattori sfavorevoli e i fatti strutturali che costringono le persone a lasciare il loro Paese di origine”. Dare forma legale al concetto di “rifugiato climatico” è difficile, in quanto non è semplice isolare il fattore climatico dalle concause che spingono le persone a migrare. Ad esempio, nel Darfur, la guerra è scoppiata a causa di dispute per l’utilizzo di terre fertili e di acqua dolce. La stessa guerra civile in Siria ha avuto origine in seguito a una forte siccità che ha colpito il Paese tra il 2006 e il 2011.
Dall’altro lato, inoltre, i cambi climatici hanno forme più lente e graduali rispetto alle catastrofi naturali, pertanto è più difficile definire la causa di una migrazione.
Cercare di superare queste difficoltà e riempire questo vuoto normativo è necessario perché strettamente legato alla sicurezza della persona. Come afferma Greenpeace, “L’obiettivo è quello di aumentare la resilienza di coloro che abitano in zone vulnerabili per prevenire le migrazioni non volute e favorire quelle desiderate. Uno dei focus delle ricerche attuali è capire che opportunità può offrire la migrazione alle comunità (e agli Stati) che perdono popolazione come a quelle che accolgono i migranti”.

25 ottobre 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Popieluszko

di Rafal Wieczynski (2009)

La storia

Zandile Nhlengetwa

Attivista impegnata per il dialogo e la riconciliazione