English version | Cerca nel sito:

I rifugiati climatici non esistono

ancora nessuna normativa

A causa del clima che sta cambiando, famiglie e comunità intere sono costrette a lasciare le loro case in cerca di un nuovo inizio. Sono, infatti, circa 258 milioni i migranti per ragioni ambientali. Secondo l’International Organization for Migration, i cambiamenti climatici potrebbero far spostare fino a un miliardo di persone entro il 2050. Purtroppo, però, in termini legali i “rifugiati climatici” non esistono. Secondo la Convenzione relativa allo statuto dei Rifugiati del 1951, si può beneficiare, per esempio, dello status di rifugiato se si è perseguitati per motivi politici, religiosi e di razza. Ma il clima o l’ambiente non qualificano una persona come rifugiata e non garantiscono così la sua protezione. In merito a ciò, le Nazioni Unite propongono due iniziative: il Global Compact on Refugees, per dare più diritti ai rifugiati e assistere i governi ospitanti, il Global Compact for Migration per far capire che i cambiamenti climatici sono tra i “fattori sfavorevoli e i fatti strutturali che costringono le persone a lasciare il loro Paese di origine”. Dare forma legale al concetto di “rifugiato climatico” è difficile, in quanto non è semplice isolare il fattore climatico dalle concause che spingono le persone a migrare. Ad esempio, nel Darfur, la guerra è scoppiata a causa di dispute per l’utilizzo di terre fertili e di acqua dolce. La stessa guerra civile in Siria ha avuto origine in seguito a una forte siccità che ha colpito il Paese tra il 2006 e il 2011.
Dall’altro lato, inoltre, i cambi climatici hanno forme più lente e graduali rispetto alle catastrofi naturali, pertanto è più difficile definire la causa di una migrazione.
Cercare di superare queste difficoltà e riempire questo vuoto normativo è necessario perché strettamente legato alla sicurezza della persona. Come afferma Greenpeace, “L’obiettivo è quello di aumentare la resilienza di coloro che abitano in zone vulnerabili per prevenire le migrazioni non volute e favorire quelle desiderate. Uno dei focus delle ricerche attuali è capire che opportunità può offrire la migrazione alle comunità (e agli Stati) che perdono popolazione come a quelle che accolgono i migranti”.

25 ottobre 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Multimedia

Praga 1968 (video)

La Storia siamo noi

La storia

Neda Agha Soltan

la studentessa simbolo del dissenso iraniano