English version | Cerca nel sito:

Il dramma siriano si estende al Libano

16 morti nel venerdì della collera

Le organizzazioni dei rivoltosi siriani denunciano l'uccisione di almeno 16 dimostranti tra Damasco, Daraya, Latakia, Banias e Homs. 

Gli scontri hanno poi raggiunto il Libano, dove gli alawiti vicini ad Assad si affrontano con i sunniti difensori dei rivoltosi del Paese vicino. Quattro i morti nella città settentrionale di Tripoli, dove sono intrappolati tremila profughi siriani.

Le violenze sono scoppiate quando ignoti hanno lanciato una bomba assordante in direzione di un corteo di sunniti, nei quali figuravano anche alcuni fondamentalisti schierati con i militanti contrari ad Assad. Ne è nato uno scontro a fuoco sedato solo dopo circa due ore dall'esercito. Il neoeletto premier libanese Najib Miqati ha dichiarato in una conferenza stampa che "l'esercito e le forze di sicurezza non permetteranno che il Libano sia trascinato verso la fitna", la divisione confessionale. Beirut ha conosciuto una sanguinosa guerra civile a causa dell'inimicizia tra le sue molteplici componenti etniche e religiose. Si paventerebbe perfino un piano di Assad per uccidere il premier libanese uscente Hariri. 

(Foto di Syriana 2011)

20 giugno 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Genocidi e crimini contro l'Umanità

la negazione del valore dell'individuo

La prima definizione giuridica in materia di persecuzioni di massa risale al 1915 e riguarda il massacro delle popolazioni armene da parte dei turchi, cui seguono i processi delle Corti marziali a carico dei responsabili. Nel Trattato di Sèvres del 1920 le Grandi Potenze usano i termini di crimini contro la civilizzazione e crimini di lesa umanità.
Al termine della seconda guerra mondiale, di fronte alla tragedia della Shoah, il Tribunale Militare del processo di Norimberga contro i gerarchi nazisti stabilisce, in apertura, i crimini per i quali la Corte ha competenza...
Il 9 dicembre 1948 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approva all’unanimità la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, considerato il più grave crimine contro l'Umanità.

leggi tutto

Il libro

Giorni di neve, giorni di sole

Fabrizio e Nicola Valsecchi

Multimedia

Che cosa succede in Medio Oriente?

la Primavera Araba in un video di Gariwo

La storia

Neda Agha Soltan

la studentessa simbolo del dissenso iraniano